Breaking News

Jova Beach Party, a rischio Isola di Dino. Cittadini e associazioni in rivolta

Condividi

Prossima tappa del Jova Beach il prossimo 7 agosto, a Praia a Mare, Calabria. L’area che ospiterà l’evento è l’Isola di Dino, presto riserva naturale. Scoppiano ancora polemiche. “500 alberi centenari sradicati per creare parcheggi”. Ecco le foto segnalate su Facebook dalla pagina Defendemos Isola di Dino.

Lavori cominciati per il Jova Beach Party di Jovanotti a Praia a Mare, Calabria. La spiaggia scelta per l’evento si trova di fronte all’ Isola di Dino, un’area che sta per diventare riserva naturale.

Si tratta di un luogo in cui crescono la rarissima primula di palinuro (Primula palinuri Petagna) e in cui è possibile trovare la Posidonia oceanica a pochi metri dalla spiaggia. Oltre a nidi di gabbiani e rapaci, vivono esemplari di Pinna nobilis, mollusco noto come nacchera.

Jova Beach Party, grande successo per la tappa a Cerveteri. Pascucci: “Nessun problema nella palude di Torre Flavia”

Cittadini e associazioni hanno segnalato i danni che questo evento sta recando all’area. Tra questi anche 500 eucalipti centenari sradicati per creare i parcheggi.

 L’ex assessore Biagio Pepe ha commentato: “Pur ritenendo grandioso e importante l’evento che Jovanotti sta portando in giro sulle spiagge italiane, e ci fa onore che abbia scelto la nostra cittadina, non potevo sottacere e non far notare come il sindaco abbia due pesi e due misure. Chissà se il Wwf, che sta affiancando il tour di Jovanotti per scongiurare danni ambientali e il rispetto delle aree protette, è a conoscenza dell’area Sic e della nidificazione degli uccelli da proteggere”.

Jova Beach Party, continua il tour sostenuto dal Wwf. Polemiche per la prossima tappa

Intanto, la società Erica, che si occupa della protezione dell’ambiente dei siti oggetto del concerto evento, sta cercando degli Angeli cioè dei volontari per la gestione sostenibile dell’evento a Praia a Mare.

beach angels avranno il compito di presidiare i contenitori della raccolta differenziata dislocati sull’area dell’evento e informare le persone su come fare bene la raccolta differenziata.

(Visited 9.637 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago