L’esemplare è stato da poco inserito nel Guinness World Record per il suo primato

Jonathan, una tartaruga gigante delle Seychelles, è stato nominato dal Guinness dei primati come l’animale terrestre più vecchio del mondo.

La tartaruga, infatti, ha compiuto ben 190 anni. O meglio, questa è l’ipotesi. Perché Jonathan fu portato sulla St. Helena Island in dono al governatore dell’isola Sir William Grey-Wilson nel 1882. Ma gli esperti hanno ipotizzato che sia nato intorno al 1832.

L’ipotesi è basata sul fatto che era completamente adulto quando arrivò sull’isola di Sant’Elena ma chiaramente non ci sono prove sull’anno preciso della sua nascita. Secondo alcuni studiosi avrebbe addirittura superato la soglia dei 200 anni.

Il vecchio Jonathan fa parte di una specie in via di estinzione (Aldabrachelys gigantea hololissa) ma famosa per la sua longevità. Nel 2006, quando morì Adwaita, una tartaruga che viveva nei giardini di Calcutta, si disse che avesse vissuto 250 anni. Ma non esistevano prove concrete di questa affermazione.

Il record precedente a quello di Jonathan che fu possibile dimostrare spettava a Tu’i Malila, tartaruga regalata alla famiglia reale delle Tonga, vissuta almeno 188 anni.

Australia, i koala dichiarati specie a rischio in tre diversi Stati

La vita di Jonathan a 190 anni: mangiare, dormire, accoppiarsi

Nonostante la sua età, la tartaruga Jonathan nella sua Sant’Elena continua a fare ciò che ha sempre fatto: mangiare, dormire e accoppiarsi.

I suoi custodi raccontano che è diventato cieco, privo di olfatto, ma ha ancora l’udito e una discreta dose di energia.

Joe Hollins, che si prende cura di lui da tredici anni, ha spiegato che la tartaruga vive con tre compagni della sua stessa specie –  DavidEmma Fred – e che spesso si accoppi sia con Emma che con Fred.

“Nonostante la sua età – ha detto Joe Hollins – ha ancora una buona libido e questi animali non sono particolarmente sensibili al genere”. 

Animali, la Svizzera al voto per vietare l’uso di cavie di laboratorio

Articolo precedenteFrancesca Manzia (CRFS Lipu Roma): “Ecco come potete aiutarci a tutelare la fauna selvatica”
Articolo successivoIn Belgio è nata la serra-edificio più grande d’Europa, misura 9500 metri quadrati