AttualitàPolitica

Bolsonaro a Roma per il G20, ma Facebook lo censura. Aveva detto che “i vaccinati Covid rischiano l’Aids”

Condividi

Jair Bolsonaro sarà a Roma per il vertice del G20. Il presidente del Brasile, convinto no vax, è stato però censurato da Facebook. In un video aveva detto che “i vaccinati Covid rischiano maggiormente di contrarre l’Aids”.

Jair Bolsonaro sarà a Roma il prossimo 30 ottobre. Il presidente del Brasile parteciperà al vertice del G20 in quello che sarà il suo primo viaggio in Europa dall’inizio della pandemia. Insieme a lui ci saranno il ministro dell’Economia, Paulo Guedes, e quello degli Esteri, Carlos Franca. Nel corso del vertice, Bolsonaro difenderà la propria gestione della pandemia. Lo scorso mese si era recato a New York per l’Assemblea generale Onu, generando polemiche per non essere vaccinato. In Brasile le vittime di Covid sono circa 605mila.

Coronavirus, commissione d’inchiesta accusa Bolsonaro: “Ha ucciso 600mila persone”

Intanto, per la seconda volta dall’inizio della pandemia, Facebook ha censurato e rimosso un contenuto pubblicato dal presidente del Brasile. Nella prima occasione, alla fine di marzo 2020, Jair Bolsonaro aveva rivendicato l’efficacia della clorochina (un farmaco contro la malaria) anche per curare il Covid. Una notizia falsa su temi sanitari, come quella che lo stesso presidente brasiliano aveva diffuso qualche giorno fa. Da no vax convinto, Jair Bolsonaro aveva affermato in un video: “Chi è stato vaccinato con doppia dose contro il Covid è molto più a rischio di contrarre l’Aids rispetto ai non vaccinati“.

(Visited 43 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago