Stop al costume da bagno e al torso nudo fuori dalla spiaggia

Da Nord a Sud, i Comuni italiani hanno dichiarato guerra a cittadini e turisti poco rispettosi del “buon gusto”. Ecco dove si rischia la super-multa. 

Addio bikini, canottiere e costumi da bagno in città. Sono sempre di più i Comuni italiani che nelle ultime ore stanno emanando ordinanze per tutelare il “decoro pubblico”. Anche se le temperature dell’estate 2022 sono roventi, i turisti più indisciplinati (o sbadati) beccati a petto nudo o in topless fuori dalla spiaggia potranno pagare fino a 500 euro di multa.

E così, dalla Campania alla Sardegna, dal Veneto alla Calabria, i sindaci di alcune città italiane hanno dichiarato guerra ai vacanzieri poco rispettosi del “buon gusto”.

A Sorrento, nella Città Metropolitana di Napoli, il sindaco Massimo Coppola ha vietato di girare a torso nudo o in costume da bagno. A controllare il rispetto del provvedimento è la Polizia Municipale. I trasgressori potranno ricevere una multa tra i 25 e i 500 euro.

Anche a Cagliari e a Villasimius i sindaci Paolo Truzzu e Gianluca Dessì hanno vietato di indossare il bikini al di fuori degli stabilimenti balneari.

Dello stesso parere Marco Sarto, sindaco di Caorle, Città Metropolitana di Venezia. I villeggianti potranno esibire il proprio fisico solo in spiaggia.

Tra le altre città italiane impegnate a ristabilire il decoro pubblico, ci sono Praia a Mara, in provincia di Cosenza, Tropea, in provincia di Vibo Valentia, e Giulianova, in provincia di Teramo.

Non sono però soltanto le località balneari a chiedere di non girare in perizoma, tanga e topless per la città. Al Parco Nord di Milano chi si denuda dovrà pagare almeno 300 euro di multa.

Articolo precedenteRoma invasa dai cinghiali, il video della famiglia “evoluta” che attraversa sulle strisce pedonali
Articolo successivo“Vestita così te la cerchi”. E Martina sfila con gli abiti del tentato stupro