Home Attualità ITALIA ANCORA NELLA STRETTA DEL MALTEMPO. DA GOVERNO UN MILIARDO PER DISSESTO...

ITALIA ANCORA NELLA STRETTA DEL MALTEMPO. DA GOVERNO UN MILIARDO PER DISSESTO IDROGEOLOGICO

Maltempo. Esondazioni, frane, fiumi che rompono gli argini e costruzioni ai limiti della legalità.
L’Italia è ancora nella morsa del maltempo.

Nuova allerta arancione su tre regioni: Veneto, Piemonte e Lazio.

Declassata a  “gialla” invece, la criticità in Emilia-Romagna, come in gran parte del resto del Paese, tra cui i settori occidentali del Piemonte, parte di Lombardia, Campania, Sicilia e Sardegna.

In un’Italia che vede 30 vittime del maltempo in una sola settimana, il bilancio più grave arriva dal palermitano, dove è stato dichiarato il lutto cittadino.

A Casteldaccia, in provincia di Palermo infatti, la furia dell’acqua ha cancellato due famiglie.

L’edificio è stato sommerso dall’acqua e dal fango del fiume Milicia.

Nove le persone, compresi due bambini di uno e tre anni, rimaste intrappolate hanno perso la vita.

Il clima sta cambiando, continuano a ripetere gli ambientalisti, i disastri che si abbattono da Nord a Sud continuano a trovare un’Italia impreparata.

Protagonista indiscusso di questi episodi è infatti il dissesto idrogeologico.

L’unica vera opera pubblica necessaria al nostro Paese è la messa in sicurezza dei territori.

Oggi più che mai è necessario un Piano nazionale di adattamento al clima e una normativa che fermi il consumo di suolo.

In partenza per Algeri, dopo una ricognizione della Regione Sicilia martoriata dal maltempo, il premier Giuseppe Conte annuncia che sono stati messi a disposizione per il dissesto idrogeologico un miliardo per interventi di sicurezza del territorio, per proteggere e salvaguardare le vite umane.

Ulteriori 50 milioni verranno messi a disposizione delle Autorità di bacino per regolare i flussi d’acqua.

“Per adesso stiamo vicino alle popolazioni colpite dai disastri nelle ultime ore e monitoriamo l’andamento delle piogge nei prossimi giorni” perchè “l’allerta è ancora in atto” – afferma il vice premier Luigi Di Maio, ricordando che il Governo ha sbloccato le risorse necessarie per mettere a posto il territorio. “Non vogliamo più che si muoia di pioggia in Italia – sottolinea Di Maio – E’ chiaro che per anni è stato fatto molto poco e male, il territorio è stato abbandonato e ora ci sta presentando il conto”.

A questo, dice ancora Di Maio, “si aggiunge il tema dei cambiamenti climatici, su questo come Europa dobbiamo essere impegnati per abbassare le emissioni”.

“Purtroppo quanto accaduto a Palermo rischia di ripetersi se non invertiamo completamente il paradigma della gestione del territorio – afferma il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa, spiegando come il governo stia agendo su due fronti: quello emergenziale, perché – dice – bisogna dare delle risposte immediate ai cittadini in difficoltà, e quello strutturale, avviando un piano contro il dissesto idrogeologico che renda il Paese più sicuro”.

“Lo Stato mette a disposizione i fondi e finanzia i progetti – sottolinea Costa – ma chi esercita le attività di progettazione e realizzazione delle opere sono le Regioni con le Province e i Comuni. Tutti devono lavorare insieme come strumenti di una stessa orchestra. Solo cosi il piano avrà efficacia”.

E sulle risorse chiarisce: “In totale sono più di 6 miliardi di euro spendibili su base triennale. Significa 900 milioni ogni tre anni fino ad esaurimento del fondo”.

 

 

 

Articolo precedenteMONTI LEPINI, III EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLA GASTRONOMIA A SEGNI (RM)
Articolo successivoLE NOTIZIE DEL GIORNO IN PILLOLE