L’appello di Don Cosimo Schena: “Non abbandonate gli animali”

278
0

Don Cosimo Schena, sacerdote di Brindisi e “Poeta dell’Amore” seguitissimo sui social, si racconta a Teleambiente: “Gli animali ti insegnano l’amore gratuito. Perché alcuni li abbandonano per strada?”. 

Quasi un italiano su due, cioè il 44,7% della popolazione, convive con almeno un cane. A confermarlo è stato l’ultimo “Rapporto Eurispes 2022” dopo avere analizzato le abitudini dei cittadini del Bel Paese. Eppure, soprattutto d’estate, c’è chi decide di disfarsi degli amici a quattro zampe, così da trascorrere le vacanze senza pensieri. Proprio per questo Don Cosimo Schena, sacerdote di Brindisi conosciutissimo sui social come “Poeta dell’Amore”, ha lanciato un appello per non abbandonare gli animali.

I cani sono creature di Dio, dunque, vanno amati e rispettati. Purtroppo, soprattutto in questo periodo dell’anno, c’è chi li abbandona o li lascia per strada. Ed ecco perché voglio sensibilizzare a non abbandonare gli animali, perché sono delle creature che cercano soltanto affetto e, in cambio, te ne danno tantissimo. Ti insegnano anche l’amore gratuito, senza tornaconto. Io dico sempre: “Quando torni a casa, chi è che ti fa tante feste?”. Solo i nostri cuccioli riescono a essere così puri“, dichiara a Teleambiente Don Cosimo Schena. “Io sono dell’idea che chi abbandona gli animali ha poca umanità. Se alcune persone sono capaci di abbandonare delle creature indifese e innocenti, chissà come si comportano con le persone“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da don Cosimo Schena (@doncosimoschena)

Ecco Tempesta, l’inseparabile amica a quattro zampe di Don Cosimo Schena 

Don Cosimo Schena è legatissimo alla sua Tempesta, una Beagle strappata alla morte, dopo essere stata notata in un cartone.

Tempesta stava in un allevamento, dove ero andato con un altro mio amico prete che doveva adottare un quattro zampe. All’improvviso, in una scatola, l’ho notata, anche perché stava morendo. Ho chiesto: “E questa cagnolina?”. “Te la puoi prendere, ma non so quanto potrà vivere”, mi hanno risposto. L’ho portata a casa ed è stata ricoverata un mese dal medico veterinario, ma si è ripresa. Adesso è la mia super-amica: mi sta sempre accanto!“, racconta il sacerdote pugliese.

Nel frattempo, la famiglia di Don Cosimo si è allargata. Già, perché il 14 febbraio 2022, giorno di San Valentino, è arrivato Baloo. Il cane era solito gironzolare per il quartiere Santa Rosa di Brindisi, tra l’indifferenza dei residenti. Appena il “Poeta dell’Amore” l’ha trovato moribondo nel giardino della Chiesa, non ha avuto dubbi: Baloo, un’altra creatura di Dio, meritava una seconda opportunità. E così, dopo avere accolto Tempesta, il filosofo ha regalato una nuova vita anche all’ex cane del rione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da don Cosimo Schena (@doncosimoschena)

Ecco perché Don Cosimo è il “Poeta dell’Amore”

Sono oltre 112mila i follower che su Instagram seguono la quotidianità di Don Cosimo, tra i suoi cani, le sua attività in parrocchia e le sue riflessioni sulla profondità dell’animo. Già, perché il sacerdote di Brindisi è soprannominato il “Poeta dell’Amore”: i suoi video, in cui recita massime sulla bellezza della vita, raccolgono migliaia di like, di commenti e di condivisioni. Il filosofo è riuscito a trasformare, dunque, il social network in una grande comunità virtuale.

Fin da bambino, ho sempre amato la poesia. E così, sui social, ho cercato di portare, attraverso i componimenti, dei messaggi positivi, di amore, per fare entrare nel cuore delle persone una scintilla, per fare muovere qualcosa. Quando siamo sul web, ne vediamo l’uso improprio, dove la gente si insulta o dove ci sono sempre notizie negative. Il mio intento, invece, è quello di portare un raggio di Sole, un messaggio più bello e più positivo, che parla proprio dell’amore di Dio. Un amore a 360 gradi“, conclude Don Cosimo Schena.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da don Cosimo Schena (@doncosimoschena)

Articolo precedenteNico Rosberg, l’ex campione di Formula 1 dona 5.000 alberi alla Sardegna
Articolo successivoLe “Città 30” aiutano l’ambiente e la salute. Ma in Italia ce n’è solo una