Scienza e Tecnologia

ITA0039, l’app per segnalare i prodotti falsi e tutelare il Made in Italy

Condividi

Un altro passo sul cammino della salvaguardia del vero Made in Italy. Presentata l’app ITA0039 per consulatare i ristoranti certificati presenti in tutto il mondo, scansionare i prodotti per verificare se sono realmente italiani e segnalare quelli falsi, contribuendo alla lotta contro il fenomeno dell’italian sounding. Ecco come funziona. 

Arriva l’app per la tutela del made in Italy, ITA0039, uno strumento nato per prendere le difese del vero patrimonio agroalimentare italiano.  

L’app, lanciata da ASACERT, è stata presenta in anteprima mondiale in occasione dell’incontro “#NoFakeFood. Stop agropirateria: difesa del made in Italy e del patrimonio agroalimentare da contraffazioni e Italian sounding“, promossa da Fondazione UniVerde, ASACERT, Coldiretti con il patrocinio dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e con la partnership di Parmigiano Reggiano e Campagna Amica. 

Stop agropirateria e cibo falso! Garanzie su prodotti made in Italy per tutelare imprese, salute e lavoro

Rivedi la diretta QUI

Quasi 100 miliardi il valore del falso Made in Italy agroalimentare nel mondo, con un aumento record del 70% nel corso dell’ultimo decennio. Più di due prodotti italiani su tre venduti nel mondo sono fake italian. Molti produttori stranieri, si servono di nomi, immagini, colori e marchi che evocano l’Italia, inducendo il consumatore ad associare erroneamente l’imitazione ad un prodotto autentico. Attraverso l’app, scaricabile dal 1°dicembre per IOS e Android, sarà possibile consultare i ristoranti certificati presenti in tutto il mondo ma anche scansionare i prodotti per verificare se sono realmente italiani, segnalare quelli falsi, contribuendo alla lotta contro il fenomeno dell’italian sounding e aiutare e supportare l’economia italiana e i veri produttori e ristoratori tricolori. 

Falsi accessori ‘Made in Italy’ per Lambretta e Piaggio, maxi sequestro a La Spezia

Siamo stati tra i primi con il Protocollo Ita0039, in intesa con Coldiretti e FAI, e il supporto di ANRA, IFSE e PROMOItalia, a prendere le difese del vero patrimonio agroalimentare italiano, con un approccio tecnico. – Fabrizio Capaccioli, Managing Director di ASACERT e Vicepresidente di GBC Italia – Un ulteriore strumento che è parte della soluzione dei problemi legati al falso italiano. Grazie all’App, ogni consumatore può interagire con il nostro network, che è pronto a linkare, in un solo gesto, autentici e certificati ristoratori italiani, produttori certificati e, naturalmente, consumatori alla ricerca del sano ed inimitabile mangiar bene italiano. Il consumatore, in giro per scaffali potrà, inoltre, smascherare i prodotti fake con un sistema di segnalazione attiva, che gli porterà vantaggi diretti ad ogni segnalazione. È un altro passo sul cammino della salvaguardia del vero made in Italy.

Gli obiettivi dell’intero progetto ITA0039 |100% Italian Taste Certification sono la tutela del Made in Italy nell’ambito della ristorazione italiana all’estero, la tutela dell’intera filiera agroalimentare italiana dalla produzione fino alla trasformazione culinaria della materia prima; la promozione delle eccellenze alimentari italiane e la loro interconnessione; il contrasto alla contraffazione degli alimenti e i fenomeni riconducibili all’Italian Sounding, attraverso i quali si veicolano erroneamente, soprattutto all’estero, marchi, immagini e simboli del Made in Italy; mettere a disposizione veri prodotti italiani di filiera corta e certificata per ristoratori e clienti in cerca di genuini e salubri prodotti agroalimentari del nostro Paese.

(Visited 52 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago