AnimaliAttualitàGood NewsPolitica

Israele vieta le pellicce, è il primo paese al mondo (ma con alcune eccezioni)

Condividi

Israele è il primo paese al mondo a vietare il commercio di pellicce. Ci sono però alcune eccezioni: il divieto non sarà totale e generalizzato.

Israele diventa il primo paese al mondo a vietare il commercio di pellicce. L’annuncio arriva dalla ministra dell’Ambiente israeliana, Gila Gamliel: “Oggi abbiamo fatto la storia. La pelliccia non è più di moda. Siamo orgogliosi di essere i primi al mondo“.

La notizia è stata accolta con grande favore anche dall’associazione animalista Peta: “Vittoria storica, resa possibile dal duro lavoro del Ministero dell’Ambiente israeliano, degli attivsti locali e della nostra direttrice onoraria, Pamela Anderson“.

Cina, il branco di elefanti asiatici si riposa alla periferia di Kunmin

L’industria del commercio della pelliccia provoca inimmaginabili sofferenze agli animali e questo decreto trasformerà il mercato della moda israeliana, rendendolo migliore sul piano del rispetto delle norme ambientali“, ha aggiunto la ministra israeliana Gila Gamliel.

 

Moda, anche Valentino diventa Fur Free: dal 2022 addio alle pellicce

Il bando alle pellicce entrerà in vigore entro sei mesi, ma ci saranno delle eccezioni per motivi scientifici e religiosi. Resterà infatti consentita l’importazione dei cappelli, noti come ‘shtreimel’, che gli ortodossi indossano durante le festività ebraiche.

(Visited 30 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago