Water pollution old garbage and oil patches on river surface

Le isole di plastica nel mondo sono sempre di più e con ampiezze sempre più allarmanti. Queste isole di plastica sono vere e proprie discariche galleggianti causate da tonnellate di rifiuti dispersi nel mare e negli oceani. Ecco le più grandi esistenti al momento.

Uno dei tanti problemi causati dall’accumulo di rifiuti nelle acque è la presenza di microplastiche, tanto piccole da essere scambiate per cibo e venir ingerite dai pesci, finendo poi così sulle nostre tavole in quantità pari ad una carta di credito a settimana, come stabilito dall’’Università di Newcastle, Australia, in una ricerca commissionata dal WWF.

 “Isole di plastica: la mappa” 

Ecco al momento dove sono le isole di plastica nel mondo:

  1. Sargassi Garbage Patch, la più “giovane” Scoperta in una spedizione dell’associazione Greenpeace nell’area dell’Atlantico, sono stati ritrovati attrezzi da pesca, flaconi di shampoo, contenitori rigidi e molto altro. A preoccupare è la previsione che nei prossimi trent’anni in quell’area si potrebbe arrivare a tre miliardi di tonnellate di rifiuti. Al pari di una discarica sommersa, la varietà di rifiuti che si possono trovare qui è vastissima, come testimonia lo scatto inquietante di un bambolotto immerso in mezzo ad altri scarti.
  1. Artic Garbage Patch Collocata nel mare di Barents in prossimità del circolo polare artico e scoperta nel 2013, è una delle più piccole isole di plastica, insieme a quella di Sargassi, ed è composta da detriti provenienti dall’Europa e dall’America del Nord.

The Ocean Cleanup, arrivano gli occhiali da sole realizzati con i rifiuti dell’isola di plastica nel Pacifico

  1. Indian Ocean Garbage Patch Scoperta nel 2010, l’ipotesi della sua esistenza sembrerebbe però risalire al  1988. Si estende per 2 km con una densità di 10 mila detriti per km2.
  1. North Atlantic Garbage Patch Una delle più grandi isole per estensione stimata sui 4 milioni di km2, è stata scoperta nel 1972 con una densità di rifiuti superiore ai 200 mila detriti per km2.
  2. South Pacific Garbage Patch Situata fra il Cile e il Perù è grande 8 volte l’Italia, con una superficie di 2,6 milioni di km2. Scoperta di recente, è formata prevalentemente da detriti di microframmenti di materie plastiche erose con gli agenti atmosferici.

Plastica, raccolta record nel Pacifico: oltre 100 tonnellate di rifiuti e reti da pesca VIDEO

  1. Great Pacific Garbage Patch La più famosa Isola di rifiuti, nota anche come Pacific Trash Vortex, situata fra tra la California e l’Arcipelago Hawaiano, è mossa dalle correnti oceaniche del vortice subtropicale del Nord Pacifico. Nota già dagli anni 80 è stata scoperta ufficialmente nel 1997 dal velista Charles Moore durante una gara in barca dalle Hawaii alla California. Con delle dimensioni che si aggirano attorno ai 10 milioni di km2  è paragonabile alla penisola iberica o agli Stati Uniti d’America.  Composta da quasi un milione di rifiuti per km2, per un totale tra i 3 e i 100 milioni di tonnellate di rifiuti. Lo scorso anno la Ocean Voyage Institute ha compiuto un vero e proprio record: ha raccolto nell’Oceano Pacifico oltre 100 tonnellate di plastica e reti fantasma (reti da pesca abbandonate).

Alex Bellini, un viaggio tra i dieci fiumi più inquinati al mondo

Plastica, Isola nel Pacifico sempre più grande. Un anno fa la terribile scoperta

Di Beatrice Soverini

Articolo precedenteMorto Fausto Gresini dopo due mesi di lotta al Covid
Articolo successivoSci, ciclismo, basket e tennis: Banca Ifis vicina ai valori dello sport