Isole Tremiti. Il sindaco Antonio Fentini, ha firmato un’ordinanza con la quale dal primo maggio sulle Diomedee sono vietate tutte le stoviglie di plastica a favore di contenitori biodegradabili. Multe per i trasgressori. Un piccolo gesto che può davvero salvare il mare.

Le tre isole delle Tremiti, che in passato più volte hanno ottenuto il titolo di «Bandiera Blu», fanno parte del Parco nazionale del Gargano e una porzione del loro territorio è riserva naturale marina.

La decisione del Comune di vietare le stoviglie in plastica è arrivata dopo la ricerca dell’Istituto di scienze marine del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) di Genova, dell’Università Politecnica delle Marche e di Greenpeace Italia, frutto dei campionamenti delle acque realizzati durante il tour «Meno plastica più Mediterraneo» della nave Rainbow Warrior. Lo studio ha mostrato come i livelli di microplastiche presenti nel Mar Mediterraneo sono  paragonabili a quelli dei vortici che si formano nel Pacifico, le cosiddette «zuppe di plastica».  Maggiori informazioni: https://www.teleambiente.it/microplastiche-mediterraneo-greenpeace/. Dai risultati era emerso che le aree più inquinate erano quelle di Portici (Napoli) e delle Tremiti. In particolare, nelle isole a largo di Foggia sono stati ritrovati 2,2 frammenti per metro cubo: «È come nuotare in mezzo a 5.500 pezzi di plastica», avevano lanciato l’allarme gli studiosi.

Secondo il primo cittadino, le bottiglie in plastica sulle isole Tremiti «possono essere tranquillamente sostituite da quelle in vetro e dai depuratori di acqua che si montano sotto i lavelli delle cucine».

Chi trasgredirà l’ordinanza sarà multato con una sanzione che va dai 50 ai 500 euro. «Sulle bottiglie, trattandosi di un’isola è ancora complesso da orchestrare questo sistema: ma magari ci arriveremo. Stiamo vedendo il nostro mare ucciso giorno dopo giorno dall’uomo e dai suoi rifiuti, e dovevamo fare qualcosa subito», ha sottolineato Fentini.

Il prossimo passo sarà vietare le bottiglie di plastica e i contenitori di polistirolo quelli che usano i pescatori per trasportare il pesce e che si ritrovano spesso in mare.  Il primo cittadino si rivolge a tutti i sindaci delle isole e dei Comuni italiani che si affacciano sul mare a fare lo stesso: vietare tutto ciò che è di plastica e i contenitori in polistirolo per fare del bene al nostro Pianeta.

Link correlati: https://www.teleambiente.it/isola-di-plastica-pacifico-ocean-clean-up-dati/

Articolo precedenteINTERNAZIONALI BNL DI TENNIS: A ROMA DAL 7 AL 20 MAGGIO. INFO SU DOVE ACQUISTARE I BIGLIETTI
Articolo successivoLE NOTIZIE DEL GIORNO IN PILLOLE