AttualitàPolitica

Bce, Irene Heemskerk a capo del Centro sul cambiamento climatico

Condividi

Irene Heemskerk sarà la direttrice del Centro sul cambiamento climatico della Banca Centrale Europea. L’olandese, 45 anni, è stata nominata dal Comitato esecutivo della Bce.

Irene Heemskerk a capo del Centro sul cambiamento climatico della Banca Centrale Europea dal prossimo 15 giugno. Lo ha deciso il Comitato esecutivo, che all’inizio di quest’anno ha istituito l’ente per modellare e guidare la sua agenda sul clima, basandosi sull’esperienza dei team che, all’interno della Bce, da tempo lavorano sui temi ambientali.

Irene Heemskerk, 45 anni, può vantare una vastissima esperienza in tema di politiche ambientali. Dopo un master in diritto internazionale ed europeo all’Università di Leiden e un master all’Accademia di diritto dell’Aia, la dottoressa Hemskerk ha lavorato per la Nederlandsche Bank e come consulente del Ministero dell’Economia olandese, occupandosi principalmente di progetti ambientali. Attualmente, Irene Heemskerk si occupa di sostenibilità presso la Fondazione International Financial Reporting Standards (Irfs) e ha preso parte attiva all’iniziativa Finance for Nature dell’International union for conservation of nature (Iucn).

Recovery, Cingolani: “Tempi certi o falliremo. Possiamo solo mitigare i problemi”

Christine Lagarde, presidente della Bce, ha spiegato: “Il Centro si occuperà di concentrare i nostri sforzi contro il cambiamento climatico. Irene Heemskerk ha l’esperienza, la conoscenza e l’entusiasmo necessari per rafforzare il ruolo della Bce nella lotta al cambiamento climatico”.

(Visited 17 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago