Territorio

IPCC, arriva il nuovo report su clima, oceani e ghiacciai VIDEO

Condividi

Giovedì 25 settembre esce il nuovo report speciale dell’IPCC sul clima. Questa volta vengono trattati l’innalzamento degli oceani e lo scioglimento dei ghiacciai.


L’IPCC ha rilasciato il nuovo report speciale sul clima, a pochi mesi dall’ultimo uscito l’8 agosto, che aveva come focus il terreno,la gestione sostenibile del suolo e la sicurezza alimentare.

Clima, l’ONU lancia l’allarme: aumentano piogge estreme, guerre e migrazioni

Questa volta l’obiettivo si sposta sugli oceani, sull’innalzamento delle acque e sulla conseguenza del riscaldamento globale sui ghiacciai.

Clima. Fino a 7 gradi centigradi di aumento delle temperature entro il 2100

Rilasciato dal Pannello Intergovernativo sul Cambiamento Climatico (IPCC), un organo delle Nazioni Unite formato da scienziati di tutto il mondo, lo Special Report on the Ocean and Cryosphere in a Changing Climate (Report Speciale sugli Oceani e la Criosfera in un Clima in Cambiamento- SROCC) svela le ultime ricerche relative al cambiamento climatico e al suo impatto sull’ecosistema globale.

 


Questo nuovo report è il primo che riguarda specificatamente l’impatto del riscaldamento globale sugli oceani e la criosfera – le parti del pianeta che sono ricoperte di ghiaccio, sia su terra che su acqua – per sottolineare i rischi che corrono questi ecosistemi.

Clima, l’innalzamento dei mari potrebbe far sparire le nostre aree costiere

“Per questo documento speciale più di 100 scienziati da oltre 30 nazioni hanno valutato le ultime conoscenze scientifiche sulle basi della scienza fisica e l’impatto del cambiamento climatico sugli ecosistemi oceanici, costali, polari e montani, e le comunità umane che dipendono da esse”, spiegano gli scienziati dell’ IPCC nel video di presentazione.

“E’ la conclusione di due anni di lavoro. Questo è lavoro chiude l’opera iniziata con gli altri 2 report, e chiude i due anni più intensi dell’ IPCC. E’ un lavoro fatto da 100 scienziati di 36 nazioni, 19 delle quali sono nazioni in via di sviluppo. Ci sono stati oltre 36000 revisioni, da scienziati di tutto il mondo.”

“Questo report è unico, perché per la prima volta l’IPCC analizza i luoghi più lontani della terra, dalle montagne più alte ai mari più profondi. E anche qui il report ha trovato conseguenze di inquinamento. L’aumento dei mari minaccia le vite dei popoli che vivono sulle coste. Negli anni l’oceano ha agito come una spugna assorbendo la CO2, ma adesso non ce la fa più. Le conseguenze dell’aumento della temperatura e del livello del mare possono essere gravi e letali per l’umanità.”

Dopo la presentazione a Monaco, gli scienziati dell’ IPCC si ricongiungeranno a New York, per discutere su metodi e possibilità di migliorare la resilienza degli oceani e per identificare “possibilità di trovare modi per risolvere il problemi derivati dalle scoperte del report sugli impatti del clima sugli oceani”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago