Salute

“L’invasione del cibo spazzatura”, il documentario che racconta cosa c’è dentro un cordon bleu

Condividi

Trenta ingredienti necessari per realizzare un cordon bleu industriale (quando per farlo in casa ne basterebbero solo cinque). Il documentario-inchiesta “L’invasione del cibo spazzatura” racconta i segreti dei piatti ultra-trasformati e il sistema di alimentazione industriale.

Cosa contiene un banale ma appetitoso cordon-bleu acquistato al supermercato? E soprattutto, perché la sua preparazione a livello industriale richiede trenta ingredienti, includendo additivi e conservanti, quando per farlo in casa ne basterebbero cinque?

Proprio dalla “decostruzione” di questa pietanza ha inizio il viaggio dietro le quinte dell’industria agroalimentare del documentario “L’invasione del cibo spazzatura, di Martin Blanchard e Maud Gangler che arriva su Arte in Italiano.

Un “preparato” a base di coscia, pelle e ala di pollo; fibre di grano per agglomerare la carne; biossido di titanio per sbiancare un formaggio ingiallito dagli additivi necessari per lucentezza e consistenza: sono alcuni dei trenta ingredienti necessari per realizzare un cordon bleu industriale. E pensare che per farlo in casa ne basterebbero soltanto cinque.

È proprio dall’inaspettata e complessa realizzazione di questa pietanza che ha inizio il viaggio dietro le quinte dell’industria agroalimentare de L’invasione del cibo spazzatura, il documentario di 90 minuti di Martin su Arte in Italiano, disponibile gratuitamente in streaming e sottotitolato in italiano. Con l’aiuto di esperti, nutrizionisti, dottori in scienze alimentari o consulenti, i due registi fanno luce su una questione cruciale: cosa mangiamo oggi?

Alimentazione, ecco come il cibo può aiutare a contrastare i cambiamenti climatici

Per svelare i segreti dei piatti ultra-trasformati – che non risparmiano neppure la dieta vegana – Maud Gangler e Martin Blanchard “decostruiscono” dall’interno il sistema di alimentazione industriale producendo loro stessi, con l’aiuto di un laboratorio alimentare specializzato in ricerca e sviluppo, proprio un cordon bleu industriale.

A partire da questo prodotto “simbolo”, il documentario-inchiesta amplia le indagini e con interviste e approfondimenti mostra cosa si nasconde davvero dentro i cibi industriali, che, un additivo alla volta, hanno ormai invaso le nostre tavole. Sempre più abbondanti ed economici, con etichette spesso complicate da decifrare, possono avere impatti anche gravi sulla salute. Un allarme, quello che arriva dal documentario, che si aggiunge ai dati ufficiali: in Italia, secondo l’Istat, l’obesità riguarda un italiano su due dopo i 18 anni.

Analizzando tutte le fasi della filiera, dall’allevamento al packaging, l’inchiesta spiega così al pubblico cosa sono i prodotti “ultra-trasformati” e quali sono i rischi dell’effetto cocktail da additivi, mostra le contraddizioni delle ricette industriali, approfondisce il bando francese dell’E171 (il biossido di titano) e delle conseguenze a livello produttivo.

Clima, un’etichetta sul cibo avviserà quanto ha inquinato quello stai mangiando

L’industria alimentare, spiega l’inchiesta, sta utilizzando tecnologie all’avanguardia e comprovati trucchi di marketing, muovendosi ai confini della legge oppure utilizzando potenti lobby per servire i propri interessi. Le autorità nazionali ed europee ammettono di essere tecnicamente sopraffatte e stanno ora intervenendo per porre un freno e limitare la diffusione delle sostanze tossiche.

Tuttavia, la speranza di un cambiamento qualitativo è guidata dalla società civile: sotto la pressione dei consumatori, alcuni produttori stanno cercando di cambiare la produzione, riducendo il numero degli ingredienti, scegliendo materie prime di qualità,  abbandonando gli additivi. Alla scelta dell’alimentazione si affianca anche un cambio in termine di salute e società: il futuro, suggerisce il documentario, si legge proprio sul fondo dei piatti.

(Visited 116 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago