Scienza e Tecnologia

Internet of Things, la tecnologia per aiutare gli alberi nella lotta al cambiamento climatico

Condividi

Una tecnologia per monitorare gli alberi e per scoprire di più su come la capacità degli alberi di immagazzinare carbonio può essere sfruttata per mitigare i cambiamenti climatici: Vodafone, Defra e Forest research lanciano il progetto.

Nel Regno Unito è in fase di sperimentazione una tecnologia specializzata nel monitoraggio degli alberi nella lotta ai cambiamenti climatici. Vodafone sta collaborando con Defra (Dipartimento per l’ambiente, l’alimentazione e gli affari rurali del Regno Unito) e Forest Research per studiare come le foreste possono essere utilizzate per affrontare la crisi climatica.

I sensori, appositamente progettati per resistere a climi rigidi, saranno collegati agli alberi per una prova di tre mesi, con i dati inviati continuamente agli scienziati per effettuare le analisi. I sensori utilizzeranno la tecnologia Internet of Things (IoT) di Vodafone. È qui che i dispositivi informatici sono incorporati in altri oggetti e in grado di trasferire dati ad altri elementi tecnologici correlati, senza bisogno di alcuna interazione umana.

India, 2 milioni di persone piantano 20 milioni di alberi in 24 ore

I ricercatori esamineranno le metriche chiave come temperatura, umidità, crescita degli alberi e umidità del suolo su base continuativa durante lo studio, senza dover visitare il sito. Sia Defra che Forest Research intendono utilizzare i risultati per informare in merito agli effetti che la crescita degli alberi può avere sull’ambiente.

In particolare, gli scienziati sperano di scoprire di più su come la capacità degli alberi di immagazzinare carbonio può essere sfruttata per mitigare i cambiamenti climatici.


La ricerca arriva dopo che Defra ha annunciato piani per aumentare la piantagione di alberi in tutto il Regno Unito a 30.000 ettari all’anno entro il 2025. Questo schema sarà supportato dal Nature for Climate Fund da 640 milioni di sterline (705 milioni di euro). 

Etiopia, 5 miliardi di alberi verranno piantati entro la fine del 2020 per combattere la deforestazione

Gli alberi sono una risorsa naturale unica che svolge un ruolo cruciale nella lotta contro la biodiversità e le crisi climatiche che affrontiamo”, afferma Malcolm McKee, Chief Technology Officer di Defra. “Questa entusiasmante partnership utilizza tecnologie IoT emergenti per migliorare la nostra comprensione degli impatti del cambiamento climatico sulle foreste della nostra nazione, che contribuirà a informare il nostro processo decisionale“.

Utilizzando la tecnologia IoT, i ricercatori sono in grado di monitorare aree forestali che sarebbero normalmente inaccessibili o troppo costose da raggiungere. 

La lotta ai cambiamenti climatici richiede un pensiero radicale e le nostre foreste saranno fondamentali per questo“, spiega Anne Sheehan, direttore di Vodafone Business UK. “La nostra tecnologia ci consente di collegare alberi e monitorare le prestazioni, che è un perfetto esempio di come la tecnologia può essere utilizzata in nuovi modi per contribuire a creare un futuro più sostenibile“.

Alberi, online su Change.org la petizione per salvare 17 ettari di bosco del Terminillo

Se la sperimentazione avrà esito positivo, potrà essere esteso ad altre aree di monitoraggio ambientale e significhi un cambiamento graduale nella quantità di dati che siamo in grado di raccogliere e analizzare.

Foto Defra
(Visited 109 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago