MILANO (ITALPRESS) – “E’ normale che sono soddisfatto, siamo molto contenti di questo titolo d’inverno ma sappiamo che non finisce nell’albo d’oro, quindi siamo contenti, è una bella sensazione ma deve essere uno stimolo per fare ancora di più”. Simone Inzaghi tiene alta l’asticella alla vigilia della gara col Torino, alla quale i nerazzurri si presentano da campioni d’inverno con un turno d’anticipo dopo i risultati dell’ultima giornata. “Siamo in un bel momento, i ragazzi sono tutti coinvolti, abbiamo la fortuna di poter lavorare sempre molto bene ma sappiamo che il nostro percorso è ancora molto lungo – avverte il tecnico piacentino ai microfoni di Inter Tv – Abbiamo visto che in queste prime 18 partite di campionato i vertici della classifica sono cambiati velocemente. Noi siamo in linea con quello che ci aveva chiesto la società, che era di ritornare agli ottavi, di mantenere le prime quattro posizioni in campionato, quindi siamo contenti. Lo scudetto dell’Inter passa dai prossimi due mesi? Mancando ancora 20 partite da qui alla fine è ancora tutto lunghissimo, sappiamo cosa ci prospetta il calendario ma adesso la mia preoccupazione è per la gara di domani perchè affrontiamo una squadra in salute e molto ben organizzata”. Parlando della gara di domani, “il Torino ha giocatori di qualità e quantità e nelle ultime quattro partite ha fatto due pareggi e due vittorie – avverte Inzaghi – E’ in striscia positiva, l’allenatore è molto preparato e lo stimo molto, riesce a tirare fuori il meglio dalle sue squadre”. Non ci sarà Barella, come succederà nell’andata degli ottavi di Champions contro il Liverpool. “Ma per il Liverpool manca ancora tanto tempo, sappiamo che ci dobbiamo arrivare nel migliore dei modi – ribatte il tecnico nerazzurro – Già da questi primi quattro mesi abbiamo visto che tra infortuni e squalifiche devi sempre avere in testa delle idee diverse perchè la squadra per questi motivi può essere sempre in evoluzione da un giorno all’altro”.
(ITALPRESS).

Articolo precedenteDraghi “Grazie ai vaccini siamo ripartiti, ma serve cautela”
Articolo successivoClima ed energia, l’Ue apre agli aiuti di Stato. Vestager: “Per il gas solo progetti green”