Salute

Integratori a base di aloe, ecco perché sono stati banditi dall’Europa

Condividi

Gli integratori alimentari a base di aloe sono stati vietati perché probabili genotossici e cancerogeni. Già nel 2018 l’EFSA, l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare, aveva lanciato l’allarme. 

A partire dall’8 aprile è entrato in vigore il regolamento della Commissione Ue firmato lo scorso 18 marzo che ha decretato lo stop ai derivati dell’idrossiantracene, naturalmente presenti nell’aloe e nella senna. 

Il regolamento, che va a modificare quello del 20 dicembre 2006 sull’aggiunta di sostanze agli alimenti, vieta anche: “aloe-emodina e tutte le preparazioni in cui è presente tale sostanza; emodina e tutte le preparazioni in cui è presente tale sostanza; preparazioni a base di foglie di specie di Aloe contenenti derivati dell’idrossiantracene; dantrone e tutte le preparazioni in cui è presente tale sostanza”.

CNR, nuove piante per mitigare i cambiamenti climatici

Alla base dello stop il fatto che l’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha rilevato che “i derivati ​​idrossiantracenici aloe-emodina ed emodina e la sostanza strutturalmente analoga dantrone si sono dimostrati genotossici in vitro. Gli estratti di aloe hanno inoltre dimostrato di essere genotossici in vitro, molto probabilmente per la presenza di derivati ​​idrossiantracenici. L’aloe-emodina si è inoltre dimostrata genotossica in vivo. L’estratto totale di aloe e l’analogo strutturale dantrone si sono rivelati cancerogeni “.

Già nel 2018 l’EFSA aveva lanciato l’allarme affermando che gli integratori alimentari che contengono derivati ​​dell’idrossiantracene possono danneggiare il DNA e possibilmente causare il cancro. Mentre a febbraio 2019, l’Accademia francese della farmacia aveva avvertito: “Alcuni integratori alimentari sono pericolosi e dovrebbero essere banditi”.

EHPM ha lanciato la petizione We fight for natural health” su Change.org. Si tratta del primo passo della campagna di comunicazione EHPM, che FederSalus sta sostenendo, in difesa dell’aloe e di altre piante coinvolte nel dossier sui derivati idrossiantracenici.

Per maggiori informai sui veri e falsi sull’aloe: https://ilsalvagente.it/2019/01/03/aloe-vera-una-pianta-mille-benefici-ma-non-per-tutti/ 

(Visited 606 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago