BiodiversitàTerritorio

Insetticidi, sta nascendo una generazione di scarafaggi totalmente immuni

Condividi

Gli scarafaggi sono tra gli esseri viventi più resistenti del pianeta, capaci si dice a sopravvivere anche a un olocausto nucleare. Quello che sappiamo, però, è che si stanno adattando ai più comuni insetticidi e c’è il rischio che ne diventino immuni.

Dei ricercatori hanno recentemente scoperto che una specie di insetti chiamati scarafaggi tedeschi (Blattella germanica) stanno diventando totalmente immuni agli insetticidi.

Api, pesticidi e cambiamento climatico minacciano la specie

“Non avevamo la minima idea che qualcosa del genere potesse accadere così velocemente”, ha detto il coautore dello studio Michael Scharf, professore e presidente del Dipartimento di Entomologia della Purdue University in Indiana.

Pesticidi e antibiotici stanno inquinando i corsi d’acqua in tutta Europa

“Gli scarafaggi che sviluppano la resistenza a più classi di insetticidi in una sola volta rendono il controllo di questi parassiti quasi impossibile solo con le sostanze chimiche” ha aggiunto Scharf.

Per confermare i dati, i ricercatori hanno testato tre differenti insetticidi contro delle colonie di scarafaggi in diversi condomini negli Stati Uniti. Nella maggior parte dei casi le popolazioni di scarafaggi non state minimamente intaccate dagli insetticidi, rimanendo stabili o addirittura aumentando di numero.

Agricoltura, allarme invasione cimice asiatica.

Inoltre la nuova generazione di insetti delle colonie ha anche mostrato segni di resistenza ad altre classi di insetticidi. Un singolo scarafaggio femmina può produrre dozzine di uova ogni pochi mesi, ripopolando immediatamente le comunità ridotte

I Blattella Germanica sono gli scarafaggi più comuni e diffusi di tutto il mondo ed è la specie “che causa la brutta reputazione degli scarafaggi”, secondo il Dipartimento di Entomologia e Nematologia dell’Università della Florida. Serviranno quindi in futuro metodi congiunti per debellare questi insetti portatori di malattia,asma e anche disagio psicologico.

Invasione di cavallette e api, gli esperti: “Una vera emergenza, non c’è rimedio”

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago