AnimaliAttualità

Insetti come alimenti, via libera dell’Ue al consumo delle tarme della farina

Condividi

Insetti come alimenti, arriva il primo ok dell’Unione Europea. Gli Stati membri dell’Ue hanno autorizzato la commercializzazione a uso alimentare delle larve essiccate del ‘tenebrione mugnaio’, note come tarme della farina.

Si tratta di un primo via libera dell’Ue, che arriva a seguito della valutazione scientifica da parte dell’Efsa.

Il ‘nuovo alimento’, come lo definisce l’Ue, sarà immesso in commercio in diverse forme: come insetto essiccato intero, snack o come farina (ingrediente utili per numerosi prodotti alimentari).

Stati Uniti, rilasciate un miliardo di zanzare geneticamente modificate

L’autorizzazione dell’Ue stabilisce però dei requisiti di etichettatura specifici che riguardano l’allergenicità, visto che l’Efsa ha indicato che il consumo dell’insetto può portare a reazioni ai soggetti con allergie preesistenti a crostacei e acari della polvere.

Il via libera rientra nella strategia ‘Farm to Fork e la decisione formale sarà adottata dalla Commissione europea nelle prossime settimane.

Api e inquinamento, l’allarme dal Trentino: “Gli insetticidi nei pollini anche a 10-12 km dalle coltivazioni”

Il piano d’azione Ue 2020-30 per i sistemi alimentari sostenibili indica gli insetti come una fonte di proteine a basso impatto ambientale che possono sostenere la transizione ‘green’ della produzione alimentare Ue.

Al momento, all’esame dell’Efsa ci sono undici domande per l’utilizzo di insetti come nuove alimenti.

(Visited 65 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago