Animali

Insetti, l’Africa è invasa dalle locuste: danni per centinaia di milioni di dollari

Condividi

Uno sciame di locuste di 60 km si sta diffondendo in tutta l’Africa Orientale, minacciando i raccolti e causando danni per centinaia di milioni di dollari nei paesi più poveri del continente.

Una grande invasione di locuste si sta diffondendo in alcune parti dell’Africa Orientale e rischia di minacciare i raccolti di cibo nei paesi più vulnerabili del mondo. Secondo le autorità, l’invasione dipende dalle insolite condizioni climatiche.

Insetti, l’estinzione causerà conseguenze inimmaginabili per la vita sulla Terra

Difficilmente più lunghe di un dito, le locuste si muovono in sciami di milioni di insetti, divorando i raccolti e i pascoli e minacciando la produzione di cibo e le economie locali. Un “aumento estremamente pericoloso” delle attività degli sciami di locuste è stato registrato in Kenya, dove è apparso uno sciame di 60km di lunghezza e 40km di larghezza nell’area nord est del paese secondo l’Intergovernmental Authority on Development (IGAD).

La stregona dentellata, uno degli insetti più grandi in Europa

L’epidemia delle locuste del deserto, la specie più pericolosa di locuste, ha già colpito anche la Somalia, l’Etiopia, il Sudan, il Djibouti e l’Eritrea. Secondo l’IGAD i prossimi ad essere colpiti saranno il Sud Sudan e l’Uganda. L’invasione sta distruggendo la fornitura di cibo nella regione secondo la FAO, con centinaia di migliaia di acri di raccolti già compromessi. L’aumento degli sciami potrebbero durare fino a giugno qualora le condizioni climatiche favorevoli alla riproduzione dovessero continuare.

Insetticidi, sta nascendo una generazione di scarafaggi totalmente immuni

Per aiutare a prevenire e controllare le invasioni, le autorità utilizzano immagini satellitari, scorte di pesticidi e spray aerei. Ci sono voluti circa 500 milioni di dollari per contrastare la grande invasione di locuste tra il 2003 e il 2005 che ha colpito circa 20 paesi nel Nord Africa e provocato danni ai raccolti per oltre 2.5 miliardi di dollari secondo la FAO.

 

(Visited 70 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago