Breaking News

Inquinamento, Venezia vieta il fumo di sigaretta all’aperto

Condividi

Inquinamento. Prima la plastica, ora il fumo di sigaretta.

Venezia potrebbe trasformarsi nella prima città smoke free d’Italia.

L’idea è quella di vietare il fumo di sigaretta all’aperto proprio come Tokyo o Singapore, realizzando al contempo apposite smoking area in strada.

A New York ad esempio, è da tempo che il fumo è vietato nei parchi e in alcuni posti centrali.

Un’idea, per il momento, ma che il sindaco Luigi Brugnaro intende portare avanti, tanto che a

Cà Farsetti ci sarebbe già un gruppo di lavoro che sta studiando il progetto.

Brugnaro, ha avuto l’idea proprio durante un recente viaggio nella capitale nipponica e vorrebbe iniziare il suo progetto in aree simbolo, come San Marco e Rialto, per tutelare le folle di turisti e di bambini.

Smog, l’inquinamento uccide più del tabacco: 8,8 milioni di vittime l’anno

“Stiamo lavorando sul rispetto di Venezia, una città unica – spiega il sindaco Brugnaro – ma non solo per la sua bellezza, anche per il rispetto che si deve alle persone: questo si coniuga con la parola sicurezza, con la pulizia e il decoro di una città. E in questo c’entra anche il fumo per strada. Io stesso fumo il sigaro; mi adatterò”.

Per gli amanti del tabacco, si sta pensando alla creazione di apposite aree dove sarà consentito fumare, ma anche alla distribuzione ai turisti di posacenere da passeggio, forniti come fossero gadget.

“C’è già un’associazione di aziende del tabacco – rivela Brugnaro – che mi ha contattato offrendosi come sponsor. Dobbiamo adattarci al nuovo che arriva, la green economy, il rispetto per l’ambiente, la pulizia, non sono cose che partono dagli altri, ma dal modo in cui noi stessi ci comportiamo”.

Sigarette, ecco la foto choch simbolo dell’inquinamento sulle nostre spiagge

L’obiettivo di Venezia, insomma, è quella di essere, sul piano internazionale, la città guida in Italia sul fronte green.

La nuova rivoluzione, si va a sommare alla delibera adottata nei mesi scorsi che ha fissato la messa al bando di piatti, bicchieri e posate di plastica nei locali pubblici a partire dalla primavera 2021 e ai Daspo urbani in materia di decoro cittadino (chi gira a torso nudo in calli e campielli).

(Visited 152 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago