Territorio

Inquinamento, sostanze odorigene. Cosa sono e perché è necessaria una normativa

Condividi

Inquinamento. Quante volte odori nauseabondi in diversi momenti della giornata ci hanno costretto a chiudere le finestre per salvarci dalla puzza?

Un problema non nuovo e che ha scatenato più volte le proteste dei cittadini.

 

Ma cosa sono questi miasmi? E da cosa provengono?

Non sono nient’altro che i cattivi odori emanati dagli impianti di trattamento rifiuti, discariche, raffinerie, depuratori ed allevamenti intensivi.

Nella normativa vigente infatti, non ci sono specifici riferimenti alla necessità di contenere i cattivi odori, che spesso rappresentano uno degli impatti ambientali più importanti.

Senza contare, che se mancano limiti e riferimenti normativi, non è possibile sanzionare o intervenire contro chi produce questi odori molesti.

Inquinamento, le capitali di tutto il mondo alle prese con livelli troppo elevati

Proprio per colmare questo vuoto normativo che il MoVimento 5 Stelle, presenta in Parlamento una Proposta di Legge, a prima firma di Ilaria Fontana che va a modificare il Testo Unico Ambientale.

La Pdl introduce concetti innovativi e regole nuove per impianti come trattamento rifiuti, discariche, raffinerie, depuratori ed allevamenti intensivi.

Il primo passo sarà l’individuazione della definizione di molestia olfattiva, ossia il massimo disturbo che gli impianti possono arrecare a chi vive attorno ad essi in termini di odori.

Questi disturbi dovranno essere considerati di valutazione di impatto ambientale, sia che tali possano generarsi normalmente o in particolari condizioni anomale o transitorie.

Inquinamento, nasce la ‘foglia artificiale’ che assorbe CO2

Verranno definiti poi i limiti di emissione, sia alla sorgente che al recettore.

Sul recettore, sarà importante anche il monitoraggio che le Regioni saranno tenute a svolgere sistematicamente oltre che a raccogliere le segnalazioni da parte della cittadinanza.

Stabiliti i limiti, si inaspriscono le sanzioni e le conseguenze per chi li supera: si potranno infatti applicare le stesse sanzioni che valgono per gli altri inquinanti in atmosfera, come ad esempio le polveri sottili.

Un superamento sistematico potrà comportare anche alla diffida o alla sospensione delle autorizzazioni, e in funzione della gravità fino alla revoca o chiusura del sito.

Maggiori tutele, maggiori oneri: il progetto di legge intende potenziare anche i fondi destinati alle Arpa per i monitoraggi ambientali, destinando ad esse i ricavi provenienti dalle sanzioni comminate ai sensi del Testo Unico Ambientale.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago