CronacaTerritorio

Inquinamento, schiuma tossica nel fiume sacro Yamuna a New Delhi

Condividi

Una schiuma tossica causata dall’alto livello di inquinamento in India ha colpito il fiume sacro di Yamuna a New Delhi, qualche giorno dopo la dichiarazione di stato di emergenza a causa del livello di smog nell’aria nella capitale.

La schiuma tossica è iniziata ad apparire sulla superficie del fiume sacro mercoledì.  Ogni domenica migliaia di persone si vestono con i tradizionali abiti colorati e marciano verso il fiume della capitale, per offrire preghiere al fiume sacro, fare un bagno nell’acqua e adorare il sole.

Inquinamento, l’India dichiara l’emergenza sanitaria: chiuse scuole ed uffici

Molti però sono entrati in contatto con questa schiuma. Secondo un intervistato a RT Newsmolti bevono quest’acqua senza sapere le conseguenze. Siamo molto spaventati”.  A causa di questo inquinamento, umani ed animali sono stati colpiti. Intanto il livello tossico nell’aria di Delhi è sceso della metà da quando l’emergenza è stata dichiarata.

Con forti venti che hanno portato via gli agenti chimici nell’aria, il livello di qualità dell’aria è sceso a 155 dai 500 della settimana scorsa, 10 volte il limite consigliato dall’OMS. Il picco è stato raggiunto il 1° novembre a causa dello smog provocato dai fuochi d’artificio e dagli incendi accesi dai contadini per bruciare le sterpaglie.

Smog, livelli letali a New Delhi. Disposto un purificatore d’aria per il Taj Mahal

Il primo ministro della città, Arvind Kejriwal, e il segretario del partito Bharatija Janata, Manoj Tiwari, hanno preso parte alle preghiere Chhath Puja o Arghya. Secondo Kejriwalla situazione è insostenibile. I cittadini di Delhi stanno soffrendo per colpe che non sono le loro”.

Il fiume Yamuna è la prima risorsa di acqua a Delhi, ed è uno dei fiumi più inquinati del paese. Diciannove canali di scolo della capitale fluiscono nel fiume, contribuendo al 96% dell’inquinamento dello Yamuna. Circa il 5% del liquame che viene scaricato nel fiume è trattato, causando un forte rischio per la popolazione.

Inquinamento, le capitali di tutto il mondo alle prese con livelli troppo elevati

Nel tentativo di contrastare gli effetti dell’inquinamento, il Governo ha introdotto il sistema delle targhe alterne. Veicoli con il numero di targa che finisce con 0, 2, 4, 6, 8 possono circolare nei giorni pari, quelle con 1, 3, 5, 7, 9 nei giorni dispari. Motocicli e macchine elettriche sono esenti dalle restrizioni. Saranno esenti dalla restrizione veicoli con solo donne, che possono portare anche bambini fino ai dodici anni e persone in situazione di handicap. Al Presidente e al Primo ministro indiano è permesso circolare nella città in veicoli mentre il primo ministro della città Arvind Kejriwal e gli altri ministri non saranno esenti dal divieto.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago