InquinamentoScienza e Tecnologia

Inquinamento, quanto influiscono i videogiochi sull’ambiente?

Condividi

Il mercato dei videogiochi è ormai considerato il mercato di intrattenimento più redditizio, superando anche musica e cinema. Ma tra produzione, consumo e consegna quanto influiscono i videogiochi sul cambiamento climatico?

Dagli anni ’80, i videogiochi sono diventati una parte sempre più importante dell’industria dell’intrattenimento. La prima icona storica dei videogames è stata Pac-Man, un concetto semplice che coinvolge un personaggio giallo a forma di torta che viaggia in un labirinto cercando di mangiare punti ed evitare i fantasmi. Pac-Man è diventato un’icona culturale e fino ad oggi rimane uno dei videogiochi più popolari della storia.

Al giorno d’oggi, videogiochi d’azione come Grand Theft Auto e Fortnite dominano il mercato, insieme a giochi di corse per famiglie come Mario Kart e i franchising sportivi, come NBA2K e FIFA. Ma quanto è sostenibile l’industria del gioco?

L’industria dei giochi è ora la sesta più grande al mondo e la seconda in Europa, con introiti per oltre 5 miliardi di euro.  Ma come ci si potrebbe aspettare, con ciò comporta un costo sostanziale per l’ambiente. Un recente studio, intitolato Console Carbon Footprint, ha esaminato la sostenibilità delle console  e ha concluso che sono in gioco due fattori dannosi. Il primo, la produzione in serie di prodotti fisici che vengono spediti ai giocatori di tutto il mondo, e il secondo, la mancanza di efficienza energetica nelle console.

Lo studio rivela che la produzione di copie fisiche di giochi causa emissioni di C02 venti volte superiori rispetto ai download digitali, i giochi cioè che vengono acquistati sugli store online e vengono scaricati direttamente sulla console. Quindi, secondo la loro analisi, i giocatori possono ridurre la loro impronta di carbonio di un incredibile 95,6% scegliendo di scaricare un gioco anziché acquistare una copia inscatolata. Perché? Perché un gioco fisico emette 0,39 kg di CO2e durante la produzione, mentre i download digitali producono solo 0,017 kg. L’impronta di CO2e maggiore dei giochi in scatola dipende dai materiali utilizzati nella produzione, come il policarbonato di alluminio nel disco, il polipropilene e la plastica in polietilene nella custodia e la carta lucida nella copertina e nei foglietti stampati.

Inquinamento, effetto coronavirus: emissioni di CO2 in Cina ridotte del 25%

Nel 2019, per esempio, per il solo FIFA 20 la produzione della plastica richiesta per le scatole e i dischi rivestiti ha causato l’emissione di 595.395 kg di CO2. È l’equivalente di quanta energia viene utilizzata in 68 case per un anno. Per contrastare questo, una manciata di sviluppatori di videogiochi come Sega ha introdotto un packaging riciclabile al 100%. I giochi in scatola sono disponibili in buste di cartone e sono stampati con inchiostri vegetali e a base d’acqua.

Tuttavia, negli ultimi anni, i consumatori si sono allontanati dai videogiochi di stampo classico a favore di equivalenti online. Di conseguenza, si è sviluppata un’enorme rete di comunicazione multiplayer, cioè di giocatori che comunicano e si sfidano l’un l’altro tramite la connessione internet. L’industria dei giochi ha visto un aumento significativo dei download digitali nel 2019, che rappresentavano l’83% di tutte le vendite di giochi dello scorso anno. Nel Regno Unito, le vendite fisiche di videogiochi sono scese a poco meno del 20%, mentre le vendite digitali sono cresciute generando entrate per 3,17 miliardi di sterline.

Cina, 2020 anno cruciale per la lotta contro l’inquinamento

Una parte sostanziale del consumo di energia delle console è determinata dall’elaborazione grafica. Tutte le console di gioco possiedono un’unità di elaborazione grafica (GPU), che si occupa della grafica sullo schermo. Le console con GPU più grandi sono meno efficienti dal punto di vista energetico, il che significa che vengono generate più emissioni di carbonio quando si gioca su base oraria.

Ad esempio, lo studio esamina l’imminente Xbox Series X, che si stima generi emissioni orarie di 0,07 kg / CO2e. In confronto, la PS5 sarà più ecologica in quanto emette meno, con 0,02 kg di CO2 equivalente all’ora. Per fare un esempio, è lo stesso di 9 smartphone caricati, anziché solo 3. In totale, quando si converte il consumo medio di energia di ciascuna console in emissioni di CO2, la nuova PlayStation si comporta in modo più efficiente rispetto alla Xbox. Ciò significa che, grazie alla GPU 1,5x per prestazioni per watt, PlayStation 5 è impostata per essere la PlayStation più sostenibile di tutti i tempi.

Almeno sulla carta, in quanto di quest’ultima non sono state ancora fornite specifiche ufficiali, e addirittura sulla forma ci si basa su supposizioni o notizie trapelate da sedicenti addetti ai lavori

La ragione per cui l’efficienza energetica è così importante nei videogiochi, a differenza della musica o dei film in streaming, ad esempio, è che possono essere necessarie ore e ore ai giocatori per completarli. Assassins Creed Odyssey per esempio è il gioco più dispendioso di energia di tutti i tempi, con un tempo medio di completamento di 40 ore e 24 minuti, secondo la ricerca. Grand Theft Auto V è appena dietro a 32 ore e 3 minuti.

Quando si tratta di giochi sportivi, Console Carbon Footprint riporta che in media FIFA 20 viene giocato per 7 ore e 50 minuti su PS4, il che si traduce in 0,266 kg di CO2e. Queste emissioni potrebbero scendere a 0,172 kg se giocate sulla prossima PS5, il che rappresenta una riduzione di emissioni del 35% per giocatore.

In termini di giochi digitali rispetto all’acquisto di copie fisiche, non tutti sono d’accordo sul fatto che il download sia più sostenibile. Samuel Franklin, fondatore di Games Finder, ha dichiarato a Euronews Living: “Mentre sono stati compiuti alcuni progressi in termini di efficienza su console e velocità di Internet riducendo il tempo necessario per il download, penso che le statistiche favorirebbero comunque prodotti fisici in quanto a sostenibilità ambientale– se la versione fisica ha tutti i contenuti del gioco.” 

Società, il lavoro da remoto riduce inquinamento e traffico e promuove la parità di genere

Ciò è dovuto al fatto che, “indipendentemente dall’acquisto digitale o fisico, i giocatori dovranno spesso scaricare una grande patch day-one come la recente divisione 2 da 50 GB”. Franklin ha concluso, “alla fine è  una situazione difficile con nessuna opzione vincente”.

Il mercato delle console di gioco è solo in crescita e si prevede che raggiungerà una dimensione totale di mercato di € 45,1 miliardi di euro entro il 2023. Al fine di ridurre il consumo complessivo di energia, si stanno discutendo varie altre alternative.

Gianluca Balla, docente di Games Art presso la Brunel University di Londra, ha dichiarato a Euronews Living: “Sono consapevole della possibilità per la console di sospendere il gameplay (una sorta di modalità standby a basso consumo) come un altro modo per ridurre il consumo di energia”. Ha continuato, “durante tale fase, i controller possono ancora essere caricati e il software può essere scaricato” ma è più efficiente dal punto di vista energetico.

Tecnologia, IBM annuncia una nuova batteria che sostituirà quelle a litio

Un’altra soluzione sul tavolo potrebbe essere ricorrere al Cloud Computing, un metodo che significa che le risorse informatiche sarebbero disponibili attraverso la virtualizzazione su Internet.

“Il cloud computing è un modello per consentire un pool condiviso di risorse informatiche su richiesta che può essere rapidamente rilasciato con un minimo sforzo di gestione”, scrive Konstantinos Domdouzis nel libro “Green Information Technology: A Sustainable Approach”.

Se il cloud computing decolla, significherebbe che un semplice schermo o dispositivo potrebbe trasmettere i giochi da un singolo server. Ciò consumerebbe molta meno energia di milioni di singole console in esecuzione contemporaneamente e potrebbe quindi essere il futuro dei giochi green.

(Visited 80 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago