Breaking News

Inquinamento, quanto costano all’ambiente i 20 calciatori più forti?

Condividi

Secondo uno studio recente i migliori venti giocatori della classifica del Pallone d’Oro sono la causa, tra viaggi in aereo e altri spostamenti, di oltre 500 tonnellate di emissioni l’anno.

I voli aerei dei 20 migliori calciatori, almeno secondo la classifica del Pallone d’Oro, causano un gettito di CO2 nell’atmosfera di oltre 505 tonnellate l’anno, secondo uno studio condotto da un gruppo di scienziati del clima.

Tassa sui voli, proposta di nove paesi europei per ridurre l’inquinamento

Andrew Welfle, dell’Università Britannica di Manchester, ha sottolineato la necessità per le squadre di calcio di trovare un’alternativa sostenibile ai continui voli aerei, in modo da ridurre le emissioni di CO2.

I giocatori non Europei sono costretti a viaggi aerei lunghissimi per raggiungere le rispettive nazionali, come per esempio il brasiliano Marquinhos del PSG ( che ha viaggiato per 110.707 km in un anno),  Roberto Firmino del Liverpool (97.907 km ) e il sudcoreano Son Heung-min (88.289).

Inquinamento, a pagare le emissioni degli aerei saranno i viaggiatori?

Solo Marquinhos da solo ha accumulato 53.5 tonnellate di CO2 in un anno, mentre i candidati al Pallone d’Oro( il premio dato da France Football per il migliore calciatore dell’anno) Leo Messi del Barcellona e Virgil Van Dijk del Liverpool sono “colpevoli” di aver emesso rispettivamente 20.9 e 16.5 tonnellate di CO2.

Per capire l’entità dei numeri citati, 40 tonnellate di emissioni di CO2 sono l’equivalente di 20 tonnellate di carbone bruciate.

Formula 1, obiettivo emissioni 0 entro il 2030. Vettel: “Dobbiamo agire ora” VIDEO

“Siamo consapevoli che è nella natura stessa del calcio il dover viaggiare per lunghi tratti, da stato a stato, da continente a continente, anche 3/4 volte a settimana, oltre a naturalmente i voli dello staff e dei dirigenti, ciò non toglie che l’impatto ambientale di questo sport è devastante,” spiega Welfle.

I presidenti dei team, la FIFA, i dirigenti delle principali leghe europee (la Premier Inglese, la Liga spagnola, la Bundesliga tedesca  e la Serie A italiana) devono trovare soluzioni condivise per risolvere questo problema, ha aggiunto.

Inquinamento, raggiunto livello record di gas serra nell’atmosfera

Si potrebbe iniziare da una calendarizzazione delle partite più considerata, raggruppando gli eventi internazionali come le qualificazioni a Europei e Mondiali in precise date, riducendo così la quantità di voli a lunga tratta.

Ridurre il numero di partite resta comunque la soluzione più valida, ma al contempo quella meno realizzabile, per via degli enormi interessi economici che girano intorno a questo sport.

 

 

(Visited 89 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago