InquinamentoTerra

Inquinamento, l’ondata di bottiglie di plastica in Sudafrica VIDEO

Condividi

Lo sconvolgente video filmato in Sudafrica mostra ondate su ondate di bottiglie di plastica che si abbattono sulla spiaggia, portate dalla marea.


Plastica, rifiuti e sporcizia. Si presenta così parte della costa di Durban, città portuale del Sudafrica nonché terzo centro più popoloso del Paese. Nei giorni scorsi, si sono abbattute sulle spiagge delle vere e proprie ondate di bottiglie, come mostrano le immagini diffuse dagli attivisti di Litterboom Project, un’iniziativa locale nata per porre fine all’inquinamento marino. Anche sul fiume Umgeni, che sfocia non lontano dal porto, fluttuano plastica e spazzatura, che si depositano sulla riva.

Le false soluzioni delle multinazionali alla crisi dell’inquinamento da plastica

Come spiegano gli abitanti di Durban, le motivazioni dietro al degrado sono diverse: la scarsità dei servizi pubblici offerti dal Comune, la formazione di baraccopoli intorno al fiume, la stagione delle piogge. Nel periodo che va da novembre a marzo, forti rovesci colpiscono il Sudafrica causando alluvioni e inondazioni: è proprio in quel momento che il problema della plastica torna evidente, con bottiglie e rifiuti che si accumulano su spiagge e coste.

Inquinamento da plastica, situazione scioccante alla foce del Sarno VIDEO

Mike Frew, un residente che ha immortalato con dei filmati la situazione allarmante, ha spiegato che la “città e alcune organizzazioni no profit lavorano arduo per pulire ogni volta, impiegandoci settimane”, ma serve a poco.

Plastica, non solo gli oceani: anche i Grandi Laghi sono a rischio

Le spiagge di Durban sono peraltro “le principali attrazioni per i turisti”, ha aggiunto. Ecco perché gli attivisti locali chiedono al governo di ridurre la produzione di plastica e i servizi per ripulire la spazzatura.

(Visited 4 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago