Inquinamento

Inquinamento, New Delhi è stata nominata la città più inquinata del mondo

Condividi

IQ Air Visual ha eletto New Delhi la città più inquinata del mondo per il secondo anno consecutivo. 21 delle 30 città più inquinate si trovano in India.

New Delhi è stata nuovamente eletta la città più inquinata al mondo per il secondo anno consecutivo da IQ AirVisual, una compagnia svizzera che raccoglie i dati sulla qualità dell’aria in tutto il mondo. Secondo i dati, 21 delle 30 città più inquinate si trovano in India.

India, le dieci soluzioni contro l’inquinamento VIDEO

IQ AirVisual ha condotto lo studio prendendo in considerazione i livelli di PM2.5, delle polveri così sottili da poter entrare nei polmoni degli esseri umani e causare malattie gravi come cancro ai polmoni o problemi cardiovascolari. Nel 2019, la media è stata di 98.6 PM2.5 per metro cubo, più del doppio di Pechino, che con una media annuale di 42.1 è finita al nono posto della classifica.

Record smog in India, Corte Suprema mette al bando cantieri in città e fuochi nei campi

L’inquinamento di New Delhi è causato dalle emissioni dei veicoli e delle industrie e dagli incendi dei rifiuti e dei raccolti nelle aree che circondano la capitale. Lo scorso anno, il picco di inquinamento ha costretto le autorità a dichiarare l’emergenza sanitaria e a chiudere scuole e uffici per due volte. I residenti della città sono riusciti a respirare aria “soddisfacente” solamente per quattro giorni tra novembre e dicembre, quando l’inquinamento è sceso.

Inquinamento, l’India dichiara l’emergenza sanitaria: chiuse scuole ed uffici

Secondo lo studio i livelli di PM2.5 del 2019 sono comunque in miglioramento rispetto al 2018, per via delle migliori condizioni metereologiche e degli sforzi del governo. Tuttavia “nonostante i miglioramenti, l’India è costretta a fronteggiare dei seri problemi di inquinamento dell’aria”.

(Visited 26 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago