AttualitàInquinamento

Inquinamento, morti 476mila neonati nel 2019: i dati dello studio State of Global Air

Condividi

Morti 476 mila neonati nel 2019, soprattutto in India e nell’Africa subsahariana. Questi i dati emersi nel report State of Global Air 2020.  Gli autori dello studio si sono basati su un numero crescente di prove che collegano l’esposizione delle madri durante la gravidanza all’Inquinamento atmosferico con l’aumento del rischio che i loro bambini nascano troppo piccoli o troppo presto.

L’inquinamento dell’aria ha ucciso 476 mila neonati nel 2019. Questo è quanto quanto emerge dallo studio State of Global Air 2020, secondo il quale la maggior parte di questi decessi è avvenuta a causa dei fumi provenienti da combustibili utilizzati per cucinare.

L’India (oltre 116 mila bambini morti nei primi mesi di vita) e l’Africa subsahariana (236 mila morti) contano da sole per circa tre quarti dei decessi, riferiscono le stime dei due istituti statunitensi Health Effects Institute e Institute for Health Metrics and Evaluation’s Global Burden of Disease.

Inquinamento, sostanze odorigene. Cosa sono e perché è necessaria una normativa

Gli autori si sono basati su un numero crescente di prove che collegano l’esposizione delle madri durante la gravidanza all’Inquinamento atmosferico con l’aumento del rischio che i loro bambini nascano troppo piccoli o troppo presto. Queste condizioni sono associate a gravi complicazioni e rappresentano la stragrande maggioranza dei decessi neonatali in entrambe le regioni. Nel complesso, il rapporto ha rilevato che l’Inquinamento atmosferico ha portato a 6,7 milioni di morti in tutto il mondo nel 2019, rendendolo la quarta causa di morte dietro l’ipertensione, l’uso di tabacco e i problemi legati a una scorretta alimentazione.

Scarica il report State of Global Air 2020 QUI

L’India è stato il primo Paese al mondo per concentrazione di PM 2.5 presente nell’aria nel 2019. L’India è seguita da Paesi come Nepal, Niger, Qatar e Nigeria. Secondo il Soga 2020, l’India ha registrato un costante incremento del particolato atmosferico dal 2010, a dispetto di quanto sostenuto dal centro nazionale dell’ambiente che ha riportato un miglioramento della qualità dell’aria in India negli ultimi dieci anni.

Report State of Global Air 2020

India, l’inquinamento a Delhi è diminuito del 49% grazie alla quarantena

Nell’ultimo decennio, la Cina ha ridotto la percentuale della sua popolazione esposta all’inquinamento atmosferico domestico dal 54 per cento al 36 per cento, mentre l’India ha ridotto la sua percentuale dal 73 per cento al 61 per cento

(Visited 79 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago