AnimaliInquinamento

Inquinamento mari, meduse e rifiuti rappresentate in un unico scatto

Condividi

Una foto denuncia dei rifiuti presenti nel nostro mare immortalata da Guido Villani, fotografo subacqueo: “Nei miei reportage incontro spesso specie animali che interagiscono con bicchieri, buste di plastica, reti fantasma e rifiuti d’ogni tipo”. 

La foto, realizzata dal fotografo subacqueo Guido Villani e riportata sul quotidiano la Repubblica, ritrae una medusa, una Pelagia noctiluca, mentre afferra con i tentacoli un pacchetto di sigarette gettato da poco in acqua nel mare antistante il molo Garibaldi a Bacoli, nell’area flegrea del golfo di Napoli.

Animali, la fauna marina può aiutare la ricerca scientifica per monitorare gli oceani

L’obbiettivo di Villani cattura il momento in cui l’ecosistema marino si incontra con i rifiuti in mare, un’interazione simbolo dell’inquinamento dei nostri mari  specie da plastica e da microplastiche, uno dei problemi più urgenti degli ultimi tempi.

Plastica, a Milano un’installazione per contrastare l’inquinamento marino

Nei miei reportage nel mare che bagna la costa di Napoli incontro spesso specie animali che interagiscono con bicchieri, buste di plastica, reti fantasma e rifiuti d’ogni tipo – ha riferito Guido Villani a la Repubblica- Quanto basta per suggerirci di invertire una pericolosa tendenza”.

Plastica, rischio inquinamento marino ridotto con le bioplastiche

I ricercatori dello Scripps Institution of Oceanography hanno scoperto che nei mari sono presenti microplastiche piccole fino a 10 micrometri e in quantità enormi. Per rilevarle, gli studiosi hanno prelevato sia campioni di acqua marina sia delle Salpe, piccoli organismi che vivono a 2.000 metri nelle profondità degli oceani e che si muovono pompando acqua tramite il loro corpo gelatinoso. Utilizzando il microscopio a fluorescenza, che permette di individuare i frammenti minuscoli di plastica grazie alle onde di luce, è stato possibile osservare la reale quantità di plastica presente nell’acqua di mare. Una quantità impressionante, pari a 8,3 milioni di ultra micro particelle in un metro cubo di acqua.

(Visited 39 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago