Scienza e Tecnologia

Arriva la prima strada a “zero emissioni” solo per pedoni, ciclisti e auto elettriche

Condividi

Beech Street di Londra diventerà la prima strada a “zero emissioni” nel Regno Unito. Potranno circolare solamente pedoni, ciclisti ed auto elettriche.

Beech Street, una via di Londra che passa sotto il complesso residenziale Barbarican, diventerà la prima strada a “zero emissioni” del Regno Unito, come spiegato dalla City of London Corporation(CLC).

Inquinamento, le capitali di tutto il mondo alle prese con livelli troppo elevati

CLC sta lavorando con Transport for London per limitare l’accesso alla strada solamente ai pedoni, ai ciclisti e ai veicoli elettrici. Il percorso dell’autobus 153 che attraversa Beech Street non subirà deviazioni dal momento che questo trasporto pubblico è elettrico. I veicoli d’emergenza, quelli per la raccolta dei rifiuti e per le consegne saranno esclusi dal divieto.

Inquinamento, la metro di Londra è la più pericolosa al mondo

La restrizione entrerà in vigore in primavera e durerà 18 mesi, permettendo a CLC di monitorare il traffico e la qualità dell’aria. Qualora la prova avesse successo, il blocco potrebbe diventare permanente. Perché questa strada in particolare? Secondo CLC Beech Street ha “alti livelli di inquinamento perché è trafficata ed al chiuso”.

Polveri sottili nella metropolitana, anche Londra lancia l’allarme

Jeremy Simons di CLC Environment ha spiegato “Per ridurre drasticamente l’inquinamento dell’aria abbiamo bisogno di azioni radicali, e questi piani ci aiuteranno ad eliminare l’aria tossica dalle nostre strade. Nessuno dovrebbe respirare aria sporca e continueremo a prendere azioni coraggiose per assicurarci che la salute dei londinesi venga protetta”. I veicoli a benzina e diesel saranno reindirizzati da avvisi e segnali stradali che indicano l’approcciarsi a Beech Street.

(Visited 7 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago