Scienza e Tecnologia

Inquinamento, in Messico un cartellone pubblicitario che assorbe lo smog

Condividi

Lo studio Roosegarde, insieme all’Università di Monterray, ha progettato un cartellone pubblicitario che assorbe lo smog nell’aria lo trasforma in ossigeno.

Quello che potrebbe sembrare un classico cartellone pubblicitario, è in realtà uno strumento che serve a combattere l’inquinamento. Il cartellone è stato creato dallo studio Roosegaarde in collaborazione con l’Università di Monterray in Messico, ed è solamente uno dei tanti installati a Monterray. Ogni spazio pubblicitario è stato coperto con una speciale resina che attrare i pollutanti nell’aria e a contatto con la luce solare li trasforma in ossigeno.

Salute, ridurre l’inquinamento nell’aria porta benefici in poche settimane

“E’ stato fantastico lavorare con gli studenti e prendere un problema e trasformarlo in una soluzione” ha detto Daan Roosegaarde “sono molto orgoglioso di vedere gli studenti partire da una ricerca accademica e farla diventare un progetto reale. Non credo nell’ utopia ma nella protopia: migliorare la realtà passo dopo passo”.

 

Plastica, ecco la “barriera di bolle”che raccoglie i rifiuti nei fiumi VIDEO

Non è il primo purificatore d’aria progettato dallo Studio Roosegarde nel corso dell’anno: lo studio è responsabile per la Smog Free-Tower: il più grande purificatore d’aria al mondo, che è stato installato in varie località internazionali e trasforma lo smog urbano in diamanti. La struttura di metallo di 23 piedi è in grado di filtrare il 75% di particelle di PM2.5 e PM10, producendo 30,000 metri cubi di aria pulita l’ora. Inoltre, utilizzando una tecnologia a ioni, la torre consuma pochissima corrente elettrica, più o meno quella di un bollitore elettrico. L’elettricità che utilizza comunque viene prodotta dal vento. Il filtro d’aria, sempre costruito dallo studio Roosegarde, assorbe le sottili particelle di carbonio dell’aria e le trasforma in diamanti, che vengono usati per creare della gioielleria che viene venduta per finanziare la costruzione di nuove torri.

Alberi, meglio della tecnologia: è il modo più efficiente per ridurre l’inquinamento

(Visited 43 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago