AnimaliInquinamento

Emissioni, un modo per ridurre il gas serra? Insegnare alle mucche dove fare i bisogni

Condividi

Tra i tanti esperimenti per ridurre le emissioni di co2 uno in particolare sta ottenendo un discreto successo: un gruppo di scienziati ha insegnato a una mandria di vacche dove fare i bisogni.

Una mandria di mucche è stata “addestrata a fare i bisogni” in un esperimento che secondo gli scienziati potrebbe aprire la strada a fattorie più rispettose dell’ambiente.

I rifiuti degli allevamenti spesso contaminano il suolo e i corsi d’acqua e contribuiscono alle emissioni di gas serra e all’acidificazione del suolo. Per questo motivo, addestrare il bestiame a fare i bisogni in luoghi predisposti è sempre stata considerata un’ottima soluzione, ma i diversi tentativi precedenti non hanno avuto successo.

Metano, per ridurre l’inquinamento basta nutrire le mucche con le alghe

Nell’ultimo studio, gli scienziati hanno provato un metodo che hanno chiamato l’approccio MooLoo per insegnare ai vitelli a usare una toilette nella loro stalla, il che significa che l’urina potrebbe essere raccolta e trattata.

 


I bovini, come molti altri animali, sono piuttosto intelligenti e possono imparare molto”, ha affermato Jan Langbein, psicologo animale presso l’Istituto di ricerca per la biologia degli animali da fattoria (FBN) in Germania. “Perché non dovrebbero essere in grado di imparare a usare il bagno?”

Mucche e vitelli maltrattati per produrre il Grana Padano, le immagini sconvolgenti di Essere Animali

I vitelli sono stati addestrati tramite un sistema di ricompense e punizioni lievi. Quando urinavano nell’area assegnata, veniva loro data una bevanda dolce o un po’ d’orzo schiacciato, e quando si liberavano altrove, venivano sorpresi da un breve getto d’acqua dall’alto.

 


Secondo lo studio pubblicato sulla rivista Current Biology, nel giro di poche settimane, dopo circa 15 sessioni di addestramento, 11 dei 16 vitelli nell’esperimento erano stati addestrati con successo all’uso del bagno. I cinque vitelli che non erano stati addestrati in modo affidabile probabilmente avevano solo bisogno di più tempo per padroneggiare l’abilità, spiegano gli autori. Langbein ha detto che un’ambizione futura sarebbe quella di insegnare alle mucche a defecare anche in una zona toilette.

Etichette alimentari, dal verde al nero per le mucche da latte

Il team sta ora lavorando per creare un sistema automatizzato che potrebbe essere utilizzato per addestrare i vitelli senza quasi alcun intervento da parte degli allevatori. “Vogliamo sviluppare una sorta di tecnologia dei sensori che sia all-inclusive, ha affermato Langbein. Ha detto che la sua speranza era che in pochi anni tutte le mucche useranno le toilette”.

L’ammoniaca prodotta nell’urina delle mucche non contribuisce direttamente alla crisi climatica, ma quando filtra nel suolo, i microbi la convertono in ossido di azoto, che è il terzo gas serra più significativo dopo il metano e l’anidride carbonica. L’agricoltura è la principale fonte di emissioni di ammoniaca, con l’allevamento di bestiame che rappresenta più della metà di tale contributo.

Secondo Langbein, le prime stime suggeriscono che se l’80% dell’urina del bestiame fosse raccolto da una stalla, le emissioni di ammoniaca sarebbero ridotte di oltre la metà.

(Visited 59 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago