Inquinamento

Inquinamento, da dieci anni il Delta del Niger aspetta di essere ripulito dal petrolio

Condividi

A quasi dieci anni dal primo report dell’UNEP, le organizzazioni no-profit hanno pubblicato un nuovo report per denunciare l’inquinamento di petrolio nel Delta del Niger, accusando la Shell e il governo nigeriano per il mancato intervento.

Nel 2011 un report dello UN Environment Programme (UNEP) sull’inquinamento da petrolio nell’Ogoniland sottolineò il devastante impatto dell’industria petrolifera nel Delta del Niger, raccomandando l’introduzione di misure per la pulizia ed un supporto immediato alle comunità devastate della regione.


Russia, le immagini della perdita di gasolio in Siberia vista dallo spazio

A quasi dieci anni dal primo report, un nuovo studio intitolato “No Clean-Up, No Justice“, realizzato da Friends of the Earth Europe, Amnesty International, Era e Milieudefensie ha sottolineato il fallimento della Shell nell’implementare le misure di emergenza richieste dall’UNEP, sostenendo che solamente nell’11% delle aree contaminate siano iniziate le operazioni di pulizia. “Per più di 50 anni le persone dell’Ogoniland, nel Delta del Niger, hanno combattuto contro l’inquinamento del petrolio, la distruzione dell’ambiente e le violazioni dei diritti umani”. Secondo le stime la compagnia Shell Oil ha scaricato dai 9 ai 13 milioni di barili di petrolio grezzo nel Delta del Niger dal 1958.

L’estrazione di gas e petrolio ha causato una continua contaminazione su larga scala di acqua e suolo nella comunità Ogoni” ha spiegato Friends of the Earth “I continui fallimenti di compagnie petrolifere e governi nelle operazioni di pulizia hanno costretto centinaia di migliaia di persone ad affrontare pericoli sanitari e a faticare per avere l’accesso all’acqua pulita”.

Salute, vivere vicino a pozzi petroliferi in gravidanza aumenta il rischio di neonati sottopeso

La scoperta del petrolio di Ogoniland ha portato una grande sofferenza a queste persone” ha commentato Osai Ojigho di Amnesty International Nigeria “Per molti anni abbiamo documentato come Shell abbia fallito nel pulire le contaminazioni delle proprie perdite ed è uno scandalo che questo ancora non sia stato fatto. Il danno ecologico sta avendo un impatto sui diritti umani, sulla salute delle persone e la loro possibilità di accedere a cibo ed acqua pulita. Shell non riuscirà a cavarsela, continueremo a lottare fin quando non sarà rimossa l’ultima traccia di petrolio“.

Inquinamento e caldo causano problemi in gravidanza specie nelle comunità afroamericane

Il report inoltre sostiene che siano necessari operazioni di pulizia e finanziamenti per il recupero della regione; questi spettano al governo nigeriano, alla Shell ed altri governi, principalmente europei. “Dopo nove anni di promesse vane e decenni di inquinamento, gli abitanti di Ogoniland non sono solamente stanchi di bere acqua sporca, di respirare i fiumi tossici e mangiare pesci contaminati. Sono stanchi di aspettare la giustizia. Stanno morendo di giorno in giorno” ha commentato Godwin Ojo di Environmental Rights Action/Friends of the Earth Nigeria.

(Visited 215 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago