Attualità

Inquinamento, la Cina riduce il consumo di carbone ma aumenta le emissioni

Condividi

Secondo un team di ricerca le emissioni di diossido di carbonio prodotte dalla Cina aumenteranno il prossimo anno a causa dell’aumento del consumo di petrolio e gas in sostituzione al carbone.

I settori di petrolio e gas potrebbero aggiungere più di 200 milioni di tonnellate di diossido di carbonio alle emissioni della Cina, il che vuol dire che le emissioni di gas a effetto serra aumenteranno del 2% nel 2019 e delCina, carbone, inquinamento 1.2% nel 2020, secondo i ricercatori del “China Coal Cap Research Project”.

La Cina aumenterà il sostegno finanziario per mitigare cambiamenti climatici

Intanto le emissioni prodotte dalla combustione del carbone scenderanno di 75.6 milioni di tonnellate nel 2020, in uno sforzo fatto dalla Cina per passare a risorse di energia più pulite. Il team di ricercatori, guidato dal Natural Resources Defense Council, sta facendo pressione sulla Cina per ridurre di almeno 400 milioni di tonnellate l’utilizzo del carbone nel periodo 2021-2025. Il consiglio dialoga costantemente con il governo cinese.

Stiamo affrontando la questione se tagliare il consumo di carbone in fretta per compensare la crescita delle emissioni di petrolio e gas o se tenere sotto controllo le emissioni di petrolio e gas” ha detto Yang Fuqiang, del Natural Resources Defense Council.

Energia, la Cina ridurrà entro il 2020 il 60% delle emissioni inquinanti

La Cina ha ridotto il consumo di carbone del 59% lo scorso anno, dai valori del 68% del 2012 e spera di arrivare al 55.3% nel 2020. Nonostante la Cina sia il più grande emittente di carbonio al mondo viene classificato come paese in via di sviluppo e non è ancora obbligato a tagliare i livelli di CO2. Tuttavia, ha promesso di tagliare l’intensità del carbonio del 40-45% nel periodo 2005-2020, ed ha raggiunto l’obiettivo con due anni d’anticipo. Secondo i ricercatori la Cina potrebbe raggiungere nel 2022 il livello previsto per il 2030.

Nucleare, Cina costruirà almeno sei reattori all’anno per raggiungere obiettivi di sviluppo 2030

Ma secondo i gruppi ambientali ci sono segnali recenti che indicano che la Cina stia abbandonando la sua campagna per slegarsi dal carbone nel tentativo di stimolare la crescita economica .Il Premier Li Keqiang ha detto che la Cina dovrebbe continuare a sviluppare più carbone pulito ed energia creata dalla combustione del carbone.

Inquinamento, le capitali di tutto il mondo alle prese con livelli troppo elevati

Pechino ha approvato 196 milioni di tonnellate di nuova capacità di produzione di carbone nei primi nove mesi del 2019 e ha 226 Gigawatts di una nuova energia elettrica prodotta dalla combustione del carbone in fase di sviluppo.

(Visited 85 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago