AttualitàInquinamento

Inquinamento, al centro di Delhi sorgerà una gigantesca torre mangia smog

Condividi

Verrà costruita al centro di Nuova Delhi, una delle città più inquinate del mondo, una gigantesca torre fornita di 40 mega ventilatori per ridurre la cappa di smog che da sempre copre la megalopoli indiana.

Saranno installati 40 ventilatori giganti in una mega torre nel centro di Delhi nell’ennesimo tentativo di migliorare la qualità dell’aria nella capitale indiana. Il progetto, che ha un costo di due milioni di dollari, prevede una torre di 25 metri di altezza che permetterà di filtrare l’aria nel raggio di un chilometro quadrato: la torre sarà installata nella zona di Connaught Place, frequentatissima area commerciale caratterizzata dai tipici edifici coloniali con colonnati, gremita di negozi e punto di ritrovo per i suoi caffè e ristoranti.

India, 2 milioni di persone piantano 20 milioni di alberi in 24 ore

L’iniziativa è comunque nel mirino dei difensori dell’ambiente, che sostengono che la torre consumerà una quantità esorbitante di energia elettrica.

 


Ogni anno, alla fine dell’autunno, Delhi soffoca per l’inquinamento, che rende l’aria irrespirabile. “Lo smog è legato a cause che si ripetono ogni anno: cerchiamo almeno di contenerlo”, dice Anwar Ali Khan, responsabile del progetto.

India, la startup edilizia che sfrutta l’inquinamento per combatterlo

“L’obiettivo è di ridurre del 50% la quantità delle particelle PM 2,5. Se la torre avrà buoni risultati, ne realizzeremo altre in tutta la capitale”. Molti esperti affermano che questo progetto non cambierà nulla e darà solo “l’impressione” che le autorità agiscano. “Le torri antismog non sono la soluzione”, sostiene Sunil Dahiya, del Centro per la ricerca sull’energia e l’aria. “È necessario intervenire sulle fonti energiche, basate, al 75 per cento, su centrali a carbone”, ha detto all’agenzia AFP. “L’obiettivo di questa torre non è di aggredire il problema, ma creare zone franche dove la gente possa respirare”.

La Cina, primo paese inquinante al mondo nel 2018, ha costruito torri di 60 metri nella città di Xian per purificare l’aria. Ma l’esperimento non è stato ripetuto in nessun’altra città.

(Visited 33 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago