Inquinamento

Tecnologia, arriva l’impianto per assorbire CO2 e contrastare i cambiamenti climatici

Condividi

Carbon Engineering sta costruendo un nuovo impianto per assorbire il CO2 nell’aria; in caso di successo potrebbe essere una soluzione per contrastare i cambiamenti climatici.

Carbon Engineering, una compagnia canadese che si occupa di rimuovere il CO2 dall’aria, sta costruendo un nuovo impianto in Texas vicino a quello che viene considerato il pozzo di petrolio più produttivo del continente. Lo scopo del nuovo impianto texano sarà quello di assorbire le tonnellate di CO2 prodotte durante le estrazioni di petrolio. Se le cose dovessero andare secondo i piani, l’impianto di Carbon Engineering potrebbe rappresentare una strategia rivoluzionaria per combattere i cambiamenti climatici.

In arrivo i lampioni intelligenti di Enel X per tagliare spese ed emissioni di CO2

In una recente intervista il CEO Steve Oldham ha annunciato orgogliosamente “assorbiremo il CO2” e l’attesa per scoprire se questo metodo possa rappresentare veramente una soluzione è alta. Prendendo in considerazione i livelli di diossido di carbonio nell’atmosfera, gli scienziati e gli esperti stanno cercando ogni giorno soluzioni per ridurre le emissioni di CO2 nell’atmosfera e restaurare la vitalità del nostro pianeta. Tuttavia, la buona notizia è che una buona quantità di diossido di carbonio è stata già rimossa dall’atmosfera e questo potrebbe rappresentare un barlume di speranza per giorni migliori.

In un articolo pubblicato sulla rivista Nature Climate Change si stima che per limitare l’aumento delle temperature a 2°C dovrebbero essere rimosse dall’atmosfera circa 120-160 miliardi di tonnellate di CO2. Per un’impresa del genere sono necessarie enormi risorse ed è per questo che la partecipazione di proposte alternative da parte di compagnie come Carbon Engineering ha attirato l’attenzione di molti. Inoltre, l’utilizzo del CO2 per fabbricare prodotti commerciali può servire a ottenere i fondi per costruire la tecnologia necessaria per assorbire il CO2 e seppellirlo nel terreno. La compagnia ha già attirato molte attenzioni in passato per il suo piano di assorbire il CO2 dall’atmosfera e trasformarlo in combustibile nel suo impianto a Squamish nella British Colombia, mentre CarbonCure Technologies avrà il compito di iniettare il CO2 assorbito nel cemento.

Inquinamento, nasce la ‘foglia artificiale’ che assorbe CO2

Ci sono già molte compagnie nell’industria petrolifera che pompano il CO2 sottoterra per spingere il petrolio verso la superficie e facilitarne l’estrazione. Altre compagnie invece con piani simili stanno utilizzando il CO2 assorbito per produrre plastica e prodotti per l’industria della moda. Per incoraggiare sempre più aziende a prendere parte a questo settore, è stato messo in palio il premio Carbon XPrize di 20 milioni di dollari per l’idea che possa convertire il CO2 nel prodotto più appropriato per la vendita.

La promessa di Microsoft: “Entro il 2030 l’azienda sarà a impatto zero sul pianeta”

Secondo le previsioni questo mercato raggiungerà rapidamente la cifra di un trilione l’anno ma la questione è se i premi in palio possano facilitare l’innovazione e lo sviluppo di una nuova tecnologia necessaria per ridurre il CO2 nell’atmosfera e limitare l’aumento delle temperature a 1.5°C.

 

(Visited 21 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago