Inquinamento

Bimba di 9 anni morta a causa dell’inquinamento: il medico legale richiede modifica legge sulla qualità dell’aria

Condividi

Per la prima volta in Gran Bretagna è stato riconosciuto il ruolo dell’inquinamento atmosferico nella morte di una bimba di soli nove anni, Ella Adoo-Kissi-Debrah. Ora il medico legale, con un rapporto, richiede al governo di ridurre i limiti esistenti per l’inquinamento da particolato. La mamma della piccola: “Non è troppo tardi per gli altri bambini”.

Ella Adoo-Kissi-Debrah, viveva vicino a South Circular Road a Lewisham, a sud-est di Londra, ed è morta nel 2013 a soli 9 anni per una crisi asmatica. Viveva in una delle strade più inquinate di Londra. Una sentenza storica che si è chiusa lo scorso dicembre con l’inquinamento atmosferico indicato, per la prima volta, come causa del decesso da riportare nel suo certificato. 

Come riporta la Bbc, il dottor Philip Barlow, il medico legale autore dell’inchiesta, ha presentato un rapporto chiedendo al Parlamento di intervenire: “Non esiste un livello sicuro di particolato nell’aria“. Bisogna ridurre gli obiettivi legalmente vincolanti esistenti per l’inquinamento da particolato per renderli in linea con le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Inquinamento, in Veneto non solo Pfas nell’acqua: a rischio anche gli alimenti

Rispondendo al rapporto, la madre di Ella, Rosamund Adoo-Kissi-Debrah, ha invitato il governo ad agire in base alle raccomandazioni del medico legale, avvertendo che “i bambini muoiono inutilmente perché il governo non sta facendo abbastanza per combattere l’inquinamento atmosferico“.


 Nella sua relazione, l’onorevole Barlow ha chiesto che siano messe a disposizione del pubblico maggiori informazioni sull’inquinamento atmosferico e sul suo impatto.

“In quanto genitore di un bambino affetto da asma grave, avrei dovuto ricevere questa informazione, ma questo non è accaduto“, ha detto la signora Adoo-Kissi-Debrah. “A causa della mancanza di informazioni non ho preso provvedimenti per ridurre l’esposizione di Ella all’inquinamento atmosferico che avrebbe potuto salvarle la vita. Vivrò sempre con questo rimpianto. Ma non è troppo tardi per gli altri bambini.

Il prof Stephen Holgate, un esperto che ha fornito prove all’inchiesta di Ella, ha affermato che il rapporto ha “portato alla luce l’importanza della questione dell’inquinamento atmosferico” e ha invitato il governo “a iniziare a trattare questo con la serietà che merita”. Ha aggiunto: “Se questo stesse accadendo all’acqua e ci fossero 40.000 morti  per avvelenamento nell’acqua, saremmo fuori dal Parlamento a gridare“.

Inquinamento, nonostante il Coronavirus non cala la presenza di CO2 nell’atmosfera

Il particolato è costituito da minuscole particelle note come PM2,5. Questi hanno un diametro inferiore a 2,5 micrometri, ovvero un quattrocentesimo di millimetro, o circa il 3% del diametro di un capello umano. Queste particelle sono così piccole che possono depositarsi nei polmoni e persino passare nel flusso sanguigno. Ci sono prove che possono danneggiare i vasi sanguigni e gli organi.

Le linee guida dell’OMS suggeriscono di mantenere una concentrazione media di PM2,5 inferiore a 10 microgrammi per metro cubo d’aria (µg / m3), per prevenire un aumento dei decessi. Il limite del Regno Unito, basato sulle raccomandazioni dell’Unione Europea (UE), è una media annuale di 25 µg / m3. Un’inchiesta sulla morte di Ella ha anche rilevato che i livelli di biossido di azoto (NO2) vicino a casa sua hanno superato le linee guida dell’OMS e dell’UE.

(Visited 73 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago