InquinamentoMobilità

Inquinamento acustico, in prova a Firenze un nuovo asfalto antirumore

Condividi

Sarà in prova a Firenze un nuovo tipo di asfalto capace di ridurre il rumore prodotto dal traffico stradale

La città di Firenze farò da test per questa sperimentazione del progetto Life E-Via, un nuovo tipo di asfalto capace di ridurre l’inquinamento acustico.

L’obiettivo, va di pari passo con il modo: ottimizzare asfalti e pneumatici per ridurre il rumore nelle aree urbane.

Inquinamento acustico: ecco come le attività umane impediscono la riproduzione degli uccelli

Dopo i test sulle prestazioni dell’asfalto che sarà steso durante l’estate su via Paisiello nel capoluogo toscano, saranno individuate altre tre aree per la sperimentazione in città e poi per la diffusione in Italia e in Europa.

 


Il progetto, cofinanziato dall’Ue e da Life E-Via, è iniziato a luglio del 2019 e terminerà a gennaio 2023 e non riguarderà solo gli enti promotori ed esecutori (Comune di Firenze, Università mediterranea di Reggio Calabria, Continental, Vie en.ro.se ingegneria, Université Gustave Eiffel e I-Pool) ma richiederà anche la partecipazione attiva dei cittadini.

Piste ciclabili pop-up, in Italia nel 2020 sono quasi 200 i km di ciclabili ‘leggere’

Questi ultimi, infatti, saranno coinvolti con iniziative di informazione sui temi della mobilità elettrica e sostenibile, ma anche attraverso passeggiate sonore e interviste per capire come cambia la percezione del rumore al variare della tipologia di asfalto e di veicoli e pneumatici.

Grazie al progetto Life che come direzione ambiente ci siamo aggiudicati lo scorso anno – ha detto l’assessore all’ambiente di Firenze Cecilia Del Re – possiamo dare il via alla sperimentazione del nuovo asfalto anti rumore per contribuire a ridurre l’inquinamento acustico nelle aree urbane”.

 

(Visited 21 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago