Inquinamento

Inquinamento, acque nere nella baia di Acapulco in Messico VIDEO

Condividi

Una tra le spiagge più belle e famose per le sue acque cristalline è stata contaminata da uno sversamento di liquame che ha reso quelle acque nere e diffuso un odore acre. E’ successo nella baia di Acapulco in Messico. Il video e le immagini di questo disastro sono state diffuse su Facebook.

Nella baia di Acapulco in Messico tonnellate di acqua nere, accompagnate da un forte odore, sono state scaricate nelle acque cristalline della spiaggia. Le immagini sono state diffuse su Facebook da un utente sulla pagina  “Acapulco desde mi balcón“.

Inquinamento, le emissioni prodotte dalle perdite di metano sono state troppo a lungo sottostimate

La National Water Commission (Conagua) ha riferito che effettuerà indagini campionarie per determinare il livello di contaminanti che potrebbero essere stati scaricati nella baia. Attraverso una dichiarazione, il Conagua ha fatto alcuni chiarimenti sullo scarico di liquami, indicando che da quel giorno, la direzione locale del Conagua a Guerrero, ha effettuato una visita di controllo per verificare i fatti sul sito.

Il personale della direzione locale, insieme ai componenti del laboratorio di gestione della qualità delle acque degli uffici centrali di Conagua, hanno dichiarato:  I campioni saranno analizzati dal laboratorio nella Città del Messico e, quando i risultati saranno disponibili, saranno rilasciati immediatamente“.

Inquinamento, da dieci anni il Delta del Niger aspetta di essere ripulito dal petrolio

Prima che si verificasse la fuoriuscita di acque reflue, la direzione di Conagua a Guerrero ha formulato una serie di raccomandazioni all’autorità municipale in modo che i lavori di pulizia e decontaminazione venissero effettuati sull’infrastruttura idraulica, al fine di ridurre la vulnerabilità a la presenza di fenomeni tipici dell’attuale stagione delle piogge. 

Il Ministero dell’Ambiente e delle Risorse Naturali ha chiesto che venga aperta un’indagine per capire che tipo di acqua sia finita sulla spiaggia e per definire le responsabilità.

La verità sul disastro ambientale a Norilsk in Siberia. Intervista a Nicolai Lilin

(Visited 128 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago