Scienza e Tecnologia

Innovazione, a marzo la settima edizione del ‘Roma Drone Conference’

Condividi

Innovazione. Sarà la Capitale ad ospitare a fine marzo la settima edizione del “Roma Drone Conference”, l’evento dedicato ai sistemi aeromobili a pilotaggio remoto (Sapr), nome tecnico dei droni.

Organizzato come di consueto dall’associazione Ifimedia e dalla società Mediarke’, quest’anno per la prima volta in collaborazione con l’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) che aiuterà la parte convegnistica e di divulgazione tecnica.

“Nel corso di questi anni – ha detto il vice direttore generale Enac, Alessandro Cardi – il Roma Drone è diventato un importante appuntamento nazionale sui droni, come regolatori del settore per noi e’ un’opportunità di promuovere la diffusione della cultura della sicurezza, partecipando attivamente alla costruzione di momenti di riflessione e diffusione delle informazioni per la realizzazione di un sistema nazionale sicuro e sostenibile”.

Le nuove frontiere del digitale, tra innovazione e sostenibilità

Il programma di “Roma Drone Conference 2020” sarà ufficializzato nei prossimi giorni e affronterà due temi-chiave.

La prima sessione riguarderà l’entrata di vigore, a partire dal 1 luglio, del nuovo regolamento europeo sui Sapr.

Alcuni esperti dell’Enac illustreranno in dettaglio tutti i contenuti, confrontandosi con associazioni di categoria, professionisti, operatori e industria del settore, oltre ad anticipare le novità che potranno essere introdotte nei prossimi mesi dall’European aviation safety agency (Easa).

Chi sono gli 11 vincitori del Premio Innovazione Amica dell’ambiente

La seconda sessione, invece, offrirà una panoramica sulle tecnologie e le future applicazioni dei progetti urban air mobility e U-space per l’impiego di droni in ambito urbano, anche alla luce del recente protocollo d’intesa firmato tra il ministero per Innovazione tecnologica e Digitalizzazione e l’Enac per l’avvio del progetto “Innovazione e mobilità“.

 

 

 

 

(Visited 19 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago