Attualità

Inghilterra, gli attivisti combattono per salvare ‘la quercia di Darwin’: “Vogliono costruirci una strada”

Condividi

Gli attivisti di Shrewsbury combattono per salvare una quercia di 550 anni, nota come “quercia di Darwin”, minacciata da una nuova strada che danneggerà i siti della fauna selvatica locale. 

Un albero di 550 anni noto come “Darwin’s oak”, la quercia di Darwin, 4 km di siepi e una zona umida di fama internazionale sono minacciati da una nuova strada intorno a Shrewsbury, nella regione Shropshire in Inghilterra. 

La strada di soccorso a nord-ovest di Shrewsbury da 84,3 milioni di sterline, pianificata dal consiglio dello Shropshire sta diventando una questione elettorale locale, con il consiglio controllato dai conservatori che sostiene che lo schema, che completa una circonvallazione intorno alla città, allevierà il traffico e mettere a disposizione terreni per alloggi.

Alberi, ambientalisti comprano un’intera foresta per proteggerla dagli speculatori

Ma un numero crescente di obiettori alla domanda – che il consiglio ha presentato e il suo comitato di pianificazione determinerà dopo le elezioni di maggio – afferma che la strada di quattro miglia, incluso un viadotto lungo 668 metri sul fiume Severn, contraddice la dichiarazione di emergenza climatica e obiettivo zero emissioni entro il 2030 del Consiglio.

Gli oppositori sostengono anche che la strada rovinerà un “cuneo verde” di una valle incontaminata accanto a Shrewsbury. La strada passerà a pochi metri da quattro siti di fauna selvatica locali, un antico bosco e Hencott Pool, un sito di speciale interesse scientifico, e la zona umida di Ramsar di importanza internazionale. Danneggerà questi siti con ossidi di azoto e altro inquinamento atmosferico, aggiungerà inquinamento acustico e metterà a rischio le riserve di acqua potabile di Shrewsbury.

Una marcia di protesta della scorsa settimana, come racconta il Guardian, ha evidenziato la distruzione lungo la strada di almeno 29 insostituibili alberi “veterani”, tra cui una quercia di 550 anni, nota come “quercia di Darwin”, che Charles Darwin, nato a cresciuto a Shrewsbury, avrebbe sicuramente apprezzato.

Alberi, nasce a Milano la prima scuola di forestazione urbana

Quando la scritta  “T58 è caduto” è stata scoperta verniciato a spruzzo sul tronco dell’antica quercia, gli attivisti hanno subito pensato che i piani del consiglio fossero quelli di distruggerla. Ma il consiglio dice che i segni della vernice non sono stati fatti da loro o da altri appaltatori.

Rob McBride, un sostenitore degli alberi antichi, ha detto: “Stare sotto questo albero è stato un momento in cui pensi: ‘Cosa stiamo facendo al nostro pianeta? Darwin potrebbe essersi seduto davvero sotto questo albero e considerare l’evoluzione dell’uomo. Le persone che prendono la decisione su questa strada sono dei dinosauri “.

Il consiglio dello Shropshire ha affermato che non è stata ancora presa alcuna decisione sull’opportunità o meno di abbattere la quercia di Darwin. Il consiglio propone di piantare 345.000 nuovi alberi – uno per ogni residente nello Shropshire – come parte della sua azione per il cambiamento climatico.

Mark Broomfield, un consulente per la qualità dell’aria e autore di Every Breath You Take, ha avvertito che “se il consiglio non è sicuro che non ci siano impatti, i regolamenti dicono che non lo approveranno. La strada è una terribile soluzione a un problema che ha soluzioni molto più economiche e meno dannose”.

I gruppi che si oppongono alla strada includono Shropshire Wildlife Trust, CPRE (ex Campaign to Protect Rural England), il consiglio parrocchiale di Bicton e Better Shrewsbury Transport. Il deputato conservatore di Shrewsbury, Daniel Kawczynski, è stato un sostenitore a lungo termine della strada.

TreeTicket, il primo concerto dove il biglietto si paga in alberi

Secondo Emma Bullard di Better Shrewsbury Transport, il consiglio ha spinto per la strada per più di 30 anni ma non è mai riuscito perché mancavano i finanziamenti del governo centrale fino al 2019, quando si è concretizzata una sovvenzione di 54,4 milioni di sterline.
Non funzionerà, sarà incredibilmente distruttivo in termini di fauna selvatica e carbonio e non possiamo permettercelo”, ha detto. “È la farse ‘abbiamo bisogno di strade per la crescita’ è un’idiozia. Dicono che consentirà più passeggiate a piedi e in bicicletta nel centro della città, ma senza alcuna prova“.

Il consiglio deve spendere almeno 17 milioni di sterline – più il superamento dei costi – per la strada, alcuni dei quali proverranno dal prelievo per le infrastrutture della comunità, denaro raccolto dagli sviluppatori di alloggi in tutta la contea. Il leader del consiglio dello Shropshire, Peter Nutting, ha detto che il finanziamento “non è un problema” perché il progetto aprirà circa 55 acri di “terreno di sviluppo privilegiato” di proprietà del comune che ha detto di poter vendere per circa 500.000 sterline all’acro.

Un portavoce del consiglio ha dichiarato: “L’aumento dei viaggi locali con i mezzi pubblici, a piedi e in bicicletta potrebbe essere una parte più importante della situazione post-Covid”

(Visited 17 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago