Infiorata di Noto, grande successo per la 43°edizione dedicata al ventennale del riconoscimento Unesco

171
0

“E’ stata un’infiorata del cambiamento, dell’innovazione e del ticket introdotto per consentire maggiori servizi ai visitatori della città, perché Noto è una città d’arte e bisogna dare dei servizi adeguati”, Corrado Figura, sindaco Comune di Noto.

Dopo due anni di stop a causa della pandemia, un grande successo per la 43° edizione dell’Infiorata di Noto, in provincia di Siracusa.

L’evento ha celebra la bellezza di Noto e i suoi 20 anni nella lista Unesco. Questa edizione è stata infatti dedicata al ventennale dall’iscrizione nella World heritage list che ha acceso i riflettori internazionali sul Val di Noto.

Per la prima volta la manifestazione è durata cinque giorni (dal 13 al 17 maggio) e non più tre grazie a un sistema innovativo di irrigazione che meglio preserva i petali.

In Via Corrado Nicolaci, teatro dell’Infiorata, sono stati realizzati 16 bozzetti, un tappeto fiorito di 700mq che ha richiesto l’impiego di circa 4mila fiori.

“E’ stata un’infiorata del cambiamento, dell’innovazione e del ticket introdotto per consentire maggiori servizi ai visitatori della città, perché Noto è una città d’arte e bisogna dare dei servizi adeguati. – ha raccontato a TeleAmbiente Corrado Figura, sindaco di Noto, entusiasta di questa 43°ediaizone – Quest’anno non ci sono stati problemi di viabilità e di ordine pubblico, si è goduto di una festa di ripartenza dopo due anni e mezzo di fermo dovuti alla pandemia e con oltre ben 100mila visitatori“.

“Quest’anno ci siamo impegnati per fare in modo di evitare il grande traffico dentro Noto che negli anni precedenti ha sempre bloccato la città creando grandi disagi. – afferma Giovanni Ferrero, Assessore Viabilità e Commercio Comune di Noto –Abbiamo utilizzato dei parcheggi di interscambio mettendo a disposizione delle navette, una mossa vincente che ha consentito alla città di rimanere vivibile, consentendo a tutti di poter godere della nostra meravigliosa infiorata“.

“Il riscontro è stato evidente, i turisti quando cammino per la città mi fermano e mi fanno i complimenti per l’organizzazione e i servizi, per aver curato ogni minimo dettaglio come l’arredo urbano della città. – aggiunge il sindaco FiguraQuest’anno il centro storico e le via della città erano pieni di cestini della raccolta differenziata, anche questa è la dimostrazione dell’efficienza di un’amministrazione. Siamo un’eccellenza del Sud, in contro tendenza rispetto a quello che si dice, anche al Sud sappiamo fare bene e adeguate ad una città d’arte ma anche ad una città europea, perché Noto è la capitale del barocco europeo.

Articolo precedenteMercatorum, sinergie tra pubblico e privato per sfruttare al meglio i fondi PNRR
Articolo successivoDivieto di animali nei circhi italiani, arriva il primo sì al Senato