Good News

Indonesia, la storia dell’eco-guerriero Sadiman: ha trasformato 250 ettari in terreno fertile

Condividi

“In passato la gente pensava che fossi pazzo, ma guarda il risultato ora”. La sfida di Sadiman, l’uomo che è riuscito dopo 24 anni a piantare alberi sulle colline aride di Giava che hanno reso fertile un terreno soggetto a siccità. 

Un tempo considerato pazzo dai compaesani, l’eco-guerriero indonesiano Sadiman, 69 anni, cappello da ranger e maglietta da safari, ha trasformato le aride colline di Giava in Indonesia in 250 ettari di terreno fertile dopo 24 anni di sforzi, rendendo disponibili le risorse idriche nella regione montuosa soggetta alla siccità in cui vive.

Affettuosamente chiamato “mbah” o “nonno”, Sadiman ha lavorato incessantemente per piantare alberi sulle colline di Giava: “Ho pensato tra me e me, se non avessi piantato alberi di banyan, questa zona sarebbe diventata secca.  Nella mia esperienza, gli alberi di banyan e di ficus possono immagazzinare molta acqua”.

Plastica, la commovente storia di un uomo paralizzato che protegge i fiumi raccogliendo i rifiuti

Le radici di almeno 11.000 alberi di banyan e ficus che Sadiman ha piantato su oltre 250 ettari (617 acri) aiutano a trattenere le acque sotterranee e prevenire l’erosione della terra. Grazie al suo impegno si sono formate sorgenti dove un tempo c’erano terreni aridi e la loro acqua convogliata alle case e utilizzata per irrigare le fattorie.

Ma all’inizio pochi abitanti del villaggio apprezzarono il suo lavoro: “La gente mi ha deriso per aver portato i semi dell’albero di banyan al villaggio perché credevano che ci fossero degli spiriti in questi alberi“, afferma Sadiman.

Alcuni pensavano addirittura che fosse un pazzo perché barattava gli alberelli con le capre che allevava, racconta un abitante del villaggio, Warto. “In passato la gente pensava che fosse pazzi, ma guarda il risultato ora”, ha aggiunto Warto. “È in grado di fornire acqua pulita per soddisfare le esigenze delle persone in diversi villaggi“.

Plastica riciclata usata per dipingere: l’idea di un’artista filippino VIDEO

Sadiman finanzia anche il suo lavoro attraverso un vivaio di piante come chiodi di garofano e jackfruit che può vendere o barattare. La mancanza di pioggia nella zona in cui ha piantato alberi una volta aveva limitato gli agricoltori a un solo raccolto all’anno, ma ora le abbondanti fonti d’acqua ne garantiscono due o tre.

Spero che le persone qui possano avere una vita prospera e felice“, aggiunge l’attivista indonesiano con le lacrime agli occhi.

(Visited 222 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago