Riciclo e RiusoRifiuti

India, fiori gettati nel fiume diventano incensi e fragranze: la missione di una start up per ripulire il Gange

Condividi

8 milioni di tonnellate di fiori, con annessi pesticidi e inquinanti, vengono riversati ogni anno nel Gange. Grazie alla start up Phool.co i fiori dei templi indiani dei fedeli gettati poi nel fiume vengono riconvertiti in incensi e fragranze profumate.

In India, dove quotidianamente enormi quantità di fiori usati come ornamento nei templi indù vengono poi rimossi e buttati nelle acque del fiume sacro, il Gange, la start up Phool.co, formata da 100 persone guidate dall’imprenditore Ankit Agarwal, ha trovato il modo di riciclarli. Parliamo di montagne di fiori recisi e poi scaricati nel fiume.

I prodotti della Phool.co danno risposta a un problema di inquinamento e rifiuti legato ai fiori. Gli indiani tipicamente offrono fiori nei templi come segno di devozione ma circa otto milioni di tonnellate di queste offerte finiscono ogni anno nei fiumi del paese, insieme alle acque reflue e ai rifiuti industriali e domestici.

I colori dei fiori stanno cambiando in risposta ai cambiamenti climatici. Lo studio

Tutti i pesticidi e gli insetticidi utilizzati per coltivare questi fiori si mescolano con l’acqua del fiume, rendendola altamente tossica“, ha dichiarato l’imprenditore a Reuters TV.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da PHOOL (@phool.co)

La squadra di Agarwal, la maggior parte delle quali sono donne, coglie i fiori scartati vicino alla riva del fiume e li raccoglie dai templi per riutilizzarli in bastoncini di incenso, oltre ad acquerelli che possono essere usati per la festa indù di Holi.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da PHOOL (@phool.co)

Molti indiani preferiscono scaricare i fiori che offrono alle divinità nei corpi idrici poiché metterli nei bidoni è considerato empio, ha detto Agarwal. Per scoraggiarli dal gettare nell’acqua anche i pacchetti di bastoncini di incenso che la sua azienda produce, la sua azienda li timbra senza immagini di divinità indù e infonde la carta con semi di basilico, una pianta considerata sacra nell’induismo.

Moda, arriva il cappotto ecosostenibile fatti con fiori selvatici VIDEO

Il concetto era, una volta utilizzati questi prodotti, seminare l’imballaggio e da esso sarebbe cresciuta una pianta di Tulsi (basilico) e l’imballaggio ci ha davvero aiutato a stabilire il nostro marchio”, ha spiega l’imprenditore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da PHOOL (@phool.co)

Phool.co ha ricevuto investimenti dal ramo sociale del gruppo imprenditoriale Tata e la maggior parte delle donne che ha impiegato lavoravano come spazzatrici manuali o erano senza lavoro. Ora hanno un’occupazione che richiede rispetto: pulire il sacro Gange.

(Visited 227 times, 3 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago