Territorio

India, milioni di alberi piantati in 12 ore per salvare il pianeta

Condividi

Alberi. Più di 1 milione e mezzo di volontari coinvolti piantano 6 milioni di alberi in appena 12 ore, una maratona ambientale che ha battuto tutti i record.  Sono state scelte appositamente 24 zone attorno al fiume per aumentare le loro chance di sopravvivenza.

Circa 1 milione e mezzo di persone sono state coinvolte l’anno scorso in un’enorme campagna di rinfoltimento delle foresta attorno al fiume Narmada, nello stato di Madhya Pradesh.

Gli alberi migliorano la qualità della vita, Italia prima al mondo a certificare i benefici delle foreste

L’India ha accettato con l’accordo di Parigi di aggiungere almeno cinque milioni di ettari alle sue foreste entro il 2030, nell’ambito di una campagna globale per la lotta ai cambiamenti climatici. E come l’India tanti altri Paesi dovrebbero seguire il suo esempio, promuovere iniziative per ridurre le emissioni di carbonio che possano sensibilizzare e coinvolgere tutti al fine di contribuire alla tutela del nostro pianeta e mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici.

Roma, alberi asfissiati dal bitume.  Gassmann: “Chi ha fatto questo orrore?”

Sono state scelte  appositamente 24 zone attorno al fiume Narmada come siti dove piantare gli alberelli proprio per aumentare le loro chance di sopravvivenza. I volontari, tantissimi bambini e anziani, hanno piantato più di 20 specie differenti: “Piantandoli non stiamo aiutando solo il Madhya Pradesh, ma il mondo intero”.

Alberi in dono agli studenti. La risposta delle istituzioni al #climatestrike

L’iniziativa è nata per cercare di contrastare l’inquinamento che affligge l’India, uno dei paesi più inquinati al mondo, e per avviare un intenso processo di rimboschimento e di conservazione dell’ambiente.

Cambiamenti climatici, ecco ome l’Australia combatte l’effetto serra

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago