Attualità

INCENDIO A MILANO, IN FIAMME UN DEPOSITO RIFIUTI DELLA BOVISASCA

Condividi

Incendio Milano. È sotto controllo l’incendio di vaste dimensioni scoppiato ieri sera intorno alle 20.30 nell’area nord di Milano, in via Dante Chiasserini, in zona Bovisasca e vicino a Quarto Oggiaro.
A prendere fuoco è stato un capannone di rifiuti della Ipb.
Numerosi i Vigili del Fuoco giusti sul posto con 13 mezzi, che stanno domando le fiamme.
Un’alta colonna di fumo è rimasta visibile per ore da molti punti della citta’, anche a vari chilometri di distanza.
Nell’Incendio, è rimasto fortuitamente coinvolto un 49 enne che ha riportato un leggero trauma ed e’ stato trasportato all’ospedale Sacco in codice verde.
Presenti sul luogo dell’incendio anche un’ambulanza e un’automedica del 118.
Diversi furgoni presenti nel deposito interessato dal rogo, sono gia’ stati messi in sicurezza dai vigili del fuoco.
Nessun rischio per le abitazioni vicine, anche se i cittadini sono stati  invitati a non aprire le finestre delle abitazioni fino allo spegnimento dell’incendio.
“In particolare – fanno sapere ATS, Arpa e VVFF – le vie Chiasserini dal ponte verso via Porretta, via Porretta, via Castellammare, via Arturo
Graf, via Perini, via Eritrea”.
Secondo le previsioni, l’incendio potrebbe durare per tutta la  giornata di lunedì 15 ottobre.

“La guerra dei rifiuti in Lombardia
e’ una battaglia che intendiamo combattere con fermezza e risolutezza da subito” – ha detto io Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, spiegando che “la Lombardia e’ terra dei fuochi come il resto di Italia, anche per la Lombardia stiamo scrivendo la
norma Terre dei Fuochi”.

(Visited 160 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago