Attualità

Incendi in Sicilia, Pecoraro Scanio e De Petris: “Aiutare subito imprese agricole”

Condividi

Incendi in Sicilia, Pecoraro Scanio e De Petris: “Tragedia con campi e allevamenti a fuoco. Aiutare subito imprese agricole travolte da incendi”. “Ritardi su prevenzione e occorre pugno duro contro incendiari”“Si aspettano i lutti per un sopralluogo governativo?”

Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde e già Ministro e Loredana De Petris, Senatrice capogruppo del Gruppo Misto a Palazzo Madama, rilanciando la campagna #StopIncendi2021 promossa da Fondazione UniVerde e Opera2030, hanno fatto appello al Governo: “La situazione degli incendi è drammatica in molte regioni e tragica in Sicilia con campi e allevamenti a fuoco. Le immagini di animali morti nei roghi è agghiacciante. Il ritardo della prevenzione è evidente e occorre aiutare subito le imprese agricoltore travolte dagli incendi con pugno di ferro contro gli incendiari, applicando le aggravanti per incendi nelle aree protette”.

Incendi devastanti in Sicilia: animali bruciati vivi e aziende agricole in ginocchio. Le immagini del disastro

“Mi aspetto una tempestiva visita del ministro della Transizione Ecologica sui luoghi della tragedia e un intervento del ministro dell’agricoltura“ ha detto Pecoraro Scanio, aggiungendo: “Le autorità scientifiche da mesi annunciavano un’estate rovente ad alto rischio e ho lanciato l’allarme ad aprile. Ma si è arrivati ad agosto per un Dpcm tardivo e colpisce il silenzio di tanti ministri e leader loquaci su tutto. Spero non servano i lutti per un sopralluogo istituzionale“.

Incendi, il ministro Cingolani: “Colpa dell’ uomo e dell’emergenza climatica”

(Visited 10 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago