Clima

Incendi, i roghi in Amazzonia accelerano lo scioglimento dei ghiacciai

Condividi

Gli incendi in Amazzonia non hanno devastato solamente la foresta pluviale ma i fumi prodotti dai roghi hanno raggiunto i ghiacciai delle Ande, accelerandone lo scioglimento.

Un team di ricerca dell’Università di Rio de Janeiro ha scoperto che la neve e i ghiacciai si stanno “oscurando” a causa dei fumi degli incendi delle foreste in Amazzonia, che vengono trasportati dal vento fino alle Ande. Questi fumi possono accelerare lo scioglimento dei ghiacciai, mettendo a rischio le forniture d’acqua da cui dipendono tutte le comunità che vivono nelle Ande. I ghiacciai tropicali infatti forniscono acqua a milioni di persone nella regione.

Gli scienziati hanno mappato il movimento e gli effetti delle particelle di fumo provenienti dall’Amazzonia e che arrivano fino ai ghiacciai delle Ande.

 

I dati atmosferici hanno mostrato che i fumi di questi incendi, in particolare i particolati di carbonio nero, sono stati trasportati dal vento e si sono depositati sui ghiacciai.

Una volta depositato sul ghiacciaio, il carbonio nero oscura la neve, riducendone l’abilità di riflettere le radiazioni solari o i raggi solari. In questo modo la superficie oscurata assorbe più energia solare, amplificando lo scioglimento.

Clima, lo scioglimento dei ghiacci dell’Artico sta rilasciando sostanze tossiche e inquinanti

Il Dr Newton de Magalhaes Neto dell’Università di Rio de Janeiro ha spiegato:“La deforestazione e gli incendi in Amazzonia, eventi che hanno colpito principalmente Bolivia, Perù e Brasile, devono essere considerati un problema per tutto il continente.Hanno un impatto sociale e delle implicazioni su tutto il Sud America, perché l’accelerazione dello scioglimento dei ghiacciai aumenta il rischio di crisi d’acqua e mettono a rischio molte comunità che vivono sulle Ande”.

Amazzonia, la foresta vicina ad un irreversibile punto di non ritorno

Lo studio si è concentrato su due anni, il 2007 e il 2010, dove più incendi del previsto sono scoppiato in Amazzonia.Il ghiacciaio preso in considerazione è il ghiacciaio Zongo in Bolivia.

Nonostante l’importanza della scoperta, secondo i ricercatori non è stata una sorpresa: lo stesso processo avviene in ogni parte del mondo.

IPCC, arriva il nuovo report su clima, oceani e ghiacciai VIDEO

“La Groenlandia riceve un grande ammontare di carbonio a causa dell’industrializzazione dell’Europa e del Nord America” ha detto il Dr de Magalhaes Neto “e la combustione di carburanti fossili nell’emisfero nord sta accelerando lo scioglimento nell’Artico”.

La cordigliera delle Ande attraversa l’intero Sud America da Nord a Sud, di conseguenza uno scioglimento dei ghiacciai più rapido del previsto metterebbe a rischio l’intera fornitura d’acqua del continente.

Svizzera, il confronto tra le foto dei ghiacciai dell’Ottocento e quelle attuali

Il Dr Ryan Wilson, dell’Università di Huddersfield, ha studiato l’impatto del cambiamento climatico nei ghiacciai delle Ande per cinque anni. Secondo lui lo studio dimostra un altro pericolo prodotto dagli incendi in Amazzonia nel lungo periodo ma ha aggiunto “dal momento che lo studio si focalizza solamente su un ghiacciaio, sono necessarie ulteriori ricerche per comprenderne l’impatto su scala continentale”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago