CronacaTerritorio

Incendi, non solo Amazzonia e Africa, anche l’Indonesia sta bruciando

Condividi

Mentre gli incendi in Siberia sono fortunatamente in fase di attenuazione, mentre in Amazzonia si combatte ancora tra le polemiche e gli aiuti internazionali, l’Indonesia si trova ad affrontare una catastrofe altrettanto grave.

Incendi. Amazzonia, Siberia e Africa. Il Pianeta Terra è in pericolo

La stagione secca è arrivata in Indonesia – terra di alcune delle più antiche foreste tropicali del mondo – ed ha portato con se la stagione degli incendi più grave dal 2015.

Sono stati identificati oltre 700 focolai tra le regioni di Sumatra, Kalimantan e le Isole Riau.

Incendi Amazzonia, non solo Brasile. Anche la Bolivia brucia VIDEO

Queste zone una volta erano considerate tra le più varie per quanto riguarda le specie e la biodiversità, ma a poco a poco sono state distrutte in nome del commercio e del profitto.Milioni di ettar di foreste sono andati persi in Indonesia negli ultimi anni, sia a causa degli incendi che per mano dell’uomo, sacrificate per interessi commerciali o agricoli.

Gli alberi sono fondamentali per l’ecosistema del pianeta per la loro funzione di assorbimento della CO2 nell’atmosfera.

Incendi, anche l’Africa brucia, ma la realtà è ben diversa dall’Amazzonia

Al momento la situazione degli incendi in Indonesia sta diventando più seria di giorno in giorno. I forti venti stanno trasportando gigantesche nubi di fumo verso la Malaysia e Singapore, mentre gli aerei cisterna militari sorvolano le zone in fiamme del Kaliamantan e di Sumatra, svuotando tonnellate e tonnellate d’acqua nel tentativo di ridurre il fronte degli incendi.

Ancora non si sa se la situazione può essere contenuta in qualche modo oppure toccherà aspettare che la natura faccia il suo corso, come è successo in Siberia.

 

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago