Clima

Dagli incendi alle fuoriuscite di petrolio, i peggiori disastri ambientali del 2020

Condividi

Il 2020 ha visto una serie di disastri ambientali, naturali e non, senza precedenti, alcuni dei quali causati dai cambiamenti climatici o dall’incuria dell’uomo.

In un anno di disastri senza precedenti, gran parte del danno arrecato al nostro pianeta nel 2020 è stato autoinflitto.

Dalle devastanti fuoriuscite di petrolio in aree sensibili agli incendi mortali che hanno consumato una superficie record alle dighe che hanno inondato intere città, i peggiori disastri ambientali dell’anno hanno mostrato l’influenza degli esseri umani.

Questa influenza è chiaramente evidente quando una nave cisterna sbatte contro una barriera corallina e versa migliaia di barili di petrolio. È meno ovvio quando il cambiamento climatico è un fattore dietro i furiosi incendi negli Stati Uniti occidentali e in Australia.

In particolare in California, il riscaldamento globale causato dall’uomo, le decisioni sulla gestione delle foreste e la soppressione degli incendi e l’espansione di case e attività commerciali in aree meno sviluppate si sono combinate per rendere la stagione degli incendi del 2020 una delle più distruttive nella storia registrata.

L’umanità sta dichiarando guerra alla natura”, ha detto António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, secondo il Guardian. “Questo è un suicidio. La natura risponde sempre – e lo sta già facendo con crescente forza e furia. La biodiversità sta collassando. Un milione di specie è a rischio di estinzione. Gli ecosistemi stanno scomparendo davanti ai nostri occhi. … Le attività umane sono alla radice di la nostra discesa verso il caos. Ma questo significa che l’azione umana può aiutare a risolverlo “.

Di seguito è riportato uno sguardo più dettagliato ad alcuni dei peggiori disastri ambientali del 2020.

Fuoriuscita di petrolio nella Regione Artica russa:

Il 29 maggio il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato lo stato di emergenza dopo che circa 125.000 barili (20.000 tonnellate) di gasolio sono state versate da un serbatoio di stoccaggio crollato in una centrale elettrica nella città siberiana di Norilsk, sopra il Circolo Polare Artico. L’olio fluì nel fiume Ambarnaya tanto che un tratto di 7,5 miglia si tinse di rosso. Il fiume alimenta il Lago Pyasino, che sfocia in un altro fiume che conduce all’Oceano Artico. L’olio ha anche contaminato il fiume Daldykan.

 


La maggior parte del gasolio fuoriuscito è stato ripulito, secondo Nornickel, e il carburante rimanente è stato localizzato. Più di 9 milioni di litri di carburante miscelato con acqua sono stati raccolti e immagazzinati fino a quando non possono essere separati, ha detto la società. Anche circa 104 acri intorno al fiume Ambarnaya sono stati puliti, ha detto.

La verità sul disastro ambientale a Norilsk in Siberia. Intervista a Nicolai Lilin

Il World Wildlife Fund in Russia ha affermato che le sostanze chimiche tossiche lasciate dal gasolio potrebbero avere un impatto sulla regione per i decenni a venire. La fuoriuscita minaccia non solo i pesci, ma anche gli uccelli e un branco di renne selvatiche, ha detto il WWF. Gli indigeni nella zona di Taymyr fanno affidamento sulle renne per il loro sostentamento.

La fuoriuscita di petrolio alle Isole Mauritius:

Il 25 luglio, la nave giapponese Wakashio ha lasciato un regolare canale di navigazione e si è arenata su una barriera corallina al largo dell’isola di Mauritius nell’Oceano Indiano. Il 6 agosto, la nave a terra iniziò a perdere petrolio. Ha versato l’equivalente di oltre 7.400 barili di petrolio in una laguna incontaminata, uccidendo decine di creature marine.

Questa fuoriuscita di petrolio si è verificata in una delle, se non la più sensibile, aree delle Mauritius”, ha detto l’oceanografo e ingegnere ambientale Vassen Kauppaymuthoo. “Stiamo parlando di decenni per recuperare da questo danno, e alcuni di essi potrebbero non riprendersi mai”.

 


Dei 7.400 barili di petrolio fuoriusciti dal serbatoio del carburante della nave, l’operatore ha detto che circa 2.900 barili sono stati recuperati manualmente dal mare e dalla costa. Gli equipaggi francesi e giapponesi sono stati in grado di rimuovere la maggior parte del carburante rimasto a bordo del Wakashio, ha riferito BBC.com, prima che la nave si separasse il 15 agosto.

Disastro Mauritius, le conseguenze della fuoriuscita di petrolio dureranno decenni

Il petrolio si è diffuso su più di 18 miglia di costa delle 217 miglia della nazione insulare.

Incendi devastano gli Stati Uniti e l’Australia:

Il National Interagency Fire Center riporta che a partire dal 4 dicembre, ci sono stati 52.934 incendi negli Stati Uniti che hanno bruciato 14.905 miglia quadrate quest’anno. È il doppio della superficie dello stato del New Jersey ed è la seconda più grande area bruciata negli ultimi 10 anni.

L’Oregon ha visto nove persone uccise e oltre 4.000 case distrutte mentre 1.908 miglia quadrate sono state bruciate in più di 2.000 incendi.

Il Colorado ha visto quest’anno tre dei suoi più grandi incendi nella storia dello stato. Hanno costretto decine di migliaia di persone a evacuare. Il più grande, il Cameron Peak Fire, è iniziato il 13 agosto e ha bruciato 326 miglia quadrate prima di essere contenuto il 5 dicembre, secondo InciWeb. La sua causa è in fase di studio.

Tuttavia, quest’anno nessuno stato ha visto tanta distruzione da incendi come la California. Cinque dei sei più grandi incendi nella storia dello stato si sono verificati nel 2020. Il più grande, il August Complex Fire, ha bruciato 1.615 miglia quadrate, più del doppio della superficie bruciata dal secondo incendio più grande, secondo Cal Fire. Complessivamente, 9.639 incendi hanno consumato più di 6.527 miglia quadrate quest’anno in California. Gli incendi hanno ucciso 33 persone e distrutto o danneggiato più di 10.000 strutture.

 


Il cambiamento climatico sta avendo un ruolo importante negli incendi della California e quest’anno pone un limite alla tendenza eccezionale degli incendi che abbiamo visto negli ultimi decenni“, ha detto a weather.com Zeke Hausfather, scienziato del clima e analista dei sistemi energetici. “In realtà abbiamo un numero leggermente inferiore di incendi in California rispetto agli anni ’80 in termini di numero di incendi, ma il nostro tipico incendio oggi brucia circa cinque volte più area di quella che bruciava negli anni ’80“.

Incendi California, proclamato il disastro naturale: oltre 400.000 ettari di vegetazione distrutti

Anche l‘Australia ha vissuto una stagione di incendi senza precedenti nel 2019-20, un periodo noto ora come Black Summer, quando centinaia di incendi boschivi hanno causato danni per 7,3 miliardi di dollari.

Più di 93.000 miglia quadrate furono bruciate. Almeno 33 persone sono morte negli incendi e l’ampio fumo potrebbe aver causato molte più morti, secondo un rapporto della Commissione reale nel National Natural Disaster Arrangements. Più di 3.000 case sono state distrutte.

 


Miliardi di animali sono stati uccisi o sfollati e gli incendi potrebbero aver aumentato il rischio di estinzione di alcune specie. I violenti acquazzoni di febbraio hanno aiutato a spegnere molte delle fiamme.

Australia, gli incendi sono inequivocabilmente legati ai cambiamenti climatici

Sebbene gli incendi siano naturali in Australia, ora si verificano con una frequenza e intensità senza precedenti in aree che, storicamente, non bruciavano. Questo nuovo regime non consente il ripristino efficace dei sistemi naturali al loro stato precedente all’incendio“, ha scritto un gruppo di scienziati del clima dell‘Università della Tasmania nella conversazione.

Il crollo della Diga del Michigan:

In due giorni a maggio, due dighe crollate hanno versato miliardi di litri d’acqua nel Michigan centrale, spazzando via alberi, ponti, strade, case e attività commerciali e costringendo più di 11.000 persone a lasciare le loro case. Circa 2.500 proprietà sono state distrutte dalla township di Edenville attraverso Sanford e nella città di Midland, dove il centro è stato sommerso da 3 metri d’acqua, ha riferito NBC News.

Le forti piogge del 19 maggio hanno portato il lago Wixom a violare l’argine di terra della diga di Edenville, ha riferito Bridge Michigan. Il torrente d’acqua ha causato il trabocco della diga di Sanford a valle.

 


Le forti piogge nel Midwest sono state collegate al cambiamento climatico.

Le dighe di Edenville e Sanford sono state classificate ad alto rischio nel 2018, secondo l’inventario nazionale delle dighe. I funzionari del Michigan e i proprietari della diga di Edenville avevano combattuto per anni per le riparazioni necessarie alla diga, secondo Michigan Live.

Quando alla fine è crollata a maggio, ha causato circa 200 milioni di dollari di danni, ha annunciato il governatore Gretchen Whitmer.

 

(Visited 38 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago