Attualità

Incendi California, corsa contro il tempo per salvare l’albero più grande del mondo

Condividi

Gli incendi che stanno devastando la California hanno raggiunto il Sequoia National Park, casa tra gli altri del Generale Sherman, l’albero più grande del mondo, che si trova sulla terra da 2500 anni.

Si combatte contro il tempo e contro le fiamme per salvare le gigantesche sequoie californiane, raggiunte dai uno dei tanti incendi boschivi che sta devastando la California. Il Parco nazionale degli alberi millenari, il Sequoia National Park, è stato raggiunto dalle fiamme in mattinata, arrivando a lambire gli alberi millenari. Nella Foresta Gigante si trovano 2.000 alberi, incluso il più grande al mondo, il Generale Sherman, alto 83 metri e risalente a 2.500 anni fa.

Ambiente, Mattarella :” La questione ambientale è prioritaria” VIDEO

Al momento oltre 350 vigili del fuoco stanno lavorando senza sosta per cercare di estinguere il fuoco, proteggendo nel frattempo le basi di molti alberi. che sono state avvolte con fogli di alluminio.

 


“È un’area molto significativa per molte, molte persone, quindi ci sono molti sforzi speciali per proteggere questo boscp“, ha detto al LA Times la portavoce dei parchi nazionali di Sequoia e Kings Canyon Rebecca Paterson.

California, incendi in aumento: 60% in più rispetto allo scorso anno

 


In volume, il generale Sherman è il più grande albero vivente a stelo singolo sulla Terra e si stima che abbia circa 2.300-2.700 anni.

Alberi, l’allarme da uno studio: “Uno su tre al mondo è a rischio estinzione”

Gli esperti affermano che gli alberi di sequoia sono molto resistenti al fuoco e si sono evoluti per sopravvivere alle fiamme.

Più di 7.400 incendi hanno bruciato nello stato quest’anno, bruciando più di 2,2 milioni di acri.

 

(Visited 660 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago